Nuovi tifosi per una nuova Roma

AS ROMA - Curva SUD

AS ROMA – Curva SUD

Stadio pieno, pubblico delle grandi occasioni, giocatori e allenatore che ringraziano i tifosi nel post partita, la Curva che torna a riempirsi, applausi alla fine del match nonostante il risultato. Tutto molto bello ieri sera all’Olimpico. In fondo è bastato riportare un po’ di entusiasmo, un po’ di quel bel gioco che a Roma non si vedeva da tempo, ed ecco che il pubblico è immediatamente tornato allo stadio.

“Dobbiamo ringraziare i tifosi per il supporto, che è stato fantastico” ha assicurato Toni Ruediger in mixed zone al margine del match facendo eco a Florenzi, Pjanic, Nainggolan e Spalletti che hanno parlato ai microfoni delle televisioni. Nuovi tifosi per una nuova Roma. Un pubblico inedito per una partita di calcio in Italia, ma soprattutto un pubblico inedito a Roma. Gremito l’Olimpico era gremito, ma l’aria che si respirava era quella dei composti stadi (o dei teatri?) inglesi piuttosto che quella di un ottavo di finale contro il Real Madrid a Roma. Si è fatto di tutto per riportare le famiglie allo stadio, lo si è cercato in ogni modo quel tifo educato che ieri ha accompagnato i giallorossi nei 90 minuti: niente oggetti pirotecnici, niente bandiere che impediscono la visuale, nessun tifoso seduto fuori dal proprio posto, nessun coro razzista, nessun coro affatto. Applausi affettuosi e composti che hanno premiato la prestazione degli uomini di Spalletti, ottimi incassi per la società, nessun problema per l’ordine pubblico. Eliminati quegli ultras “brutti sporchi e cattivi” ieri sera per la prima volta si è potuta assaggiare la trasformazione delle tifoserie italiane.

E’ questo lo stadio che ci piace? Probabilmente per alcuni sì, è questo il pubblico ideale per le autorità e per le società che fanno dello sport un buisness; ma è questo lo stadio che piace al calcio?

Perché quando il pubblico non potrà più assistere ad un bello spettacolo, quando il primo attore non sarà Cristiano Ronaldo, quando la Roma dovrà affrontare una squadra insignificante, in una partita insignificante, in una serata insignificante, allora quell’Olimpico sarà ancora così gremito? Tolti i fumogeni, tolte le bandiere, tolti i cori, il pubblico ideale continuerà ad applaudire a fine partita? Sarà solo il tempo a dirlo.

Chiara Di Paola