RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Fiorentina-Roma: i giallorossi non possono più sbagliare

Roma –  Appuntamento numero 11 in campionato per la Roma di Eusebio Di Francesco. I giallorossi saranno di scena oggi alle 18 allo stadio Artemio Franchi di Firenze, contro i padroni di casa della Fiorentina. Le due squadre arrivano al confronto odierno appaiate a quota 15 punti, il che fa della disputa in programma nel capoluogo toscano un vero e proprio scontro diretto. Chi riuscirà a portare a casa i 3 punti si rilancerà per un posto tra le prime 4 posizioni.
Capitolini e Gigliati sono reduci da un duplice 1-1 conquistato in trasferta nell’ultimo turno di serie A: la Roma ottenuto sul difficile campo del Napoli, la Fiorentina sul mai semplice prato del Torino.

Qui Roma

La posizione in graduatoria non può lasciare soddisfatto il tecnico abruzzese. I suoi ragazzi ancora non sono riusciti ad ingranare, continuando ad alternare pessime prestazioni ad altre più accettabili. Il punto raccolto contro i partenopei non è certo da buttare, considerando soprattutto la prova opaca messa in mostra nei secondi 45 di gioco. Ma nel complesso Di Francesco ha offerto un avvio di stagione assai ben lontano da quello di cui i tifosi avevano goduto durante la sua prima esperienza all’ombra del Colosseo.
Per la trasferta fiorentina non ci sarà Daniele De Rossi. Il capitano e centrocampista romanista resterà fermo ai box almeno per le prossime 3 gare, per poi riprendere la regolare attività al rientro dalla sosta dedicata alle nazionali.
Chi partirà con la squadra è invece Kostas Manolas, anche lui uscito malconcio dal San Paolo ma comunque inserito nella distinta dei convocati. Così come convocati sono Javier Pastore e Justin Kluivert, che difficilmente però vedranno il rettangolo di gioco fin dal 1′.
La formazione di scena al Franchi vedrà dunque diversi cambi obbligatori. Con Manolas incerto, scalda i motori Juan Jesus dopo l’ottima prova di Napoli. Al fianco del brasiliano Fazio in vantaggio su Marcano, mentre ai loro fianchi agiranno a destra Florenzi e a sinistra Kolarov. Poco più avanti, appurata l’assenza di De Rossi, spetterà a Cristante fare le veci del 35enne, andando ad occupare la postazione vicino a Nzonzi. In attacco, con Dzeko alla ricerca del primo timbro personale sul campo della Viola, Under, Lorenzo Pellegrini ed El Shaarawy agiranno alle spalle del bomber bosniaco.

Roma 4-2-3-1: Olsen; Florenzi-Fazio-Juan Jesus-Kolarov; Nzonzi-Cristante; Under-Lo.Pellegrini-El Shaarawy; Dzeko

Qui Fiorentina

Una sorta di derby personale per Stefano Pioli, considerando un passato recente sulla panchina laziale per il tecnico nato a Parma.
La sua Fiorentina non vince da oltre un mese, quando piegò tra le mura amiche l’Atalanta per 2-0. Da allora solo 2 punti conquistati in 3 gare disputate, l’ultimo ottenuto lontano da casa contro i granata del Torino.
Tanta qualità per i gigliati, che in estate hanno infoltito la rosa mixando giocatori dal talento cristallino come Marko Pjaca, ad altri in cerca di pronto riscatto, come l’ex romanista Gerson. Proprio quest’ultimo sarà l’osservato speciale di quest’oggi. Il brasiliano ironia della sorte segnò i suoi unici gol romanisti proprio nella città di Dante Alighieri, firmando 2 dei 4 gol con cui i Capitolini si aggiudicarono l’ultimo incrocio in Toscana. Il centrocampista ha trovato qui la sua dimensione ideale, venendo impiegato in tutte e 10 le gare fin qui disputate e trovando già in una circostanza il bersaglio grosso.
Ma non solo Gerson e Pjaca. Pioli può contare anche sull’estro di Federico Chiesa, accostato a più riprese anche al club di Trigoria nel corso dell’ultima finestra di mercato. Senza poi dimenticare Giovanni Simeone, figlio d’arte dell’allenatore dell’Atletico Madrid Diego e già in gol contro i romani nella passata serie A.
In difesa ci sarà poi Vitor Hugo. La sua storia ha commosso un pò tutti gli amanti del calcio. Suo fu infatti il primo sigillo dopo la morte del compianto Davide Astori, con tanto di dedica all’ex capitano Viola scomparso prematuramente durante la trasferta di Udine.
A compleatare il quartetto a protezione di Lafont anche Milenkovic, Pezzella e Biraghi.

Fiorentina 4-3-3: Lafont; Milenkovic-Vitor Hugo-Pezzella-Biraghi; Benassi-Veretout-Gerson; Chiesa-Simeone-Pjaca

Massimiliano Sciarra