RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Galli della Loggia: la scuola è nemica della libertà di pensiero

Più informazioni su

Galli della Loggia: la scuola è nemica della libertà di pensiero –

Galli della Loggia oggi sul Corriere della Sera si ricorda di essere liberale e scrive una cosa sacrosanta: la scuola serve per l’istruzione, non per la “educazione” degli studenti. L’educazione è il modo scelto dalla classi dominanti, le élite del politicamente corretto, che tendono a fare di ogni studente un suddito obbediente, non un cittadino che pensi con la sua testa. Verissimo. Le tracce dei temi costringono gli esaminandi, i maturandi, a far loro le opinioni di chi le ha scritte e approvate. Chi non è d’accordo, va fuori tema e viene bocciato.

Più d’una volta nei temi in classe alle superiori trovai il coraggio di scrivere il contrario di ciò che suggeriva la traccia. Già 60 anni fa ero politicamente scorretto. La professoressa voleva che parlassi bene della costituzione, io ne scrissi peste e corna, basandomi su quel che scriveva Maranini. Voleva che parlassi bene dell’Europa, io scrissi suppergiù quel che diceva De Gaulle, quel che dice oggi Salvini. Prendevo 2, che in media con gli altri temi diventavano 7 in pagella. All’esame di maturità, scoprii che per italiano ci toccava una suora. Turandomi il naso, scelsi il tema su Manzoni e trovai il modo di esaltare i valori cristiani delle sue opere. Presi 8. Uscito da scuola, fui e sono sempre fedele ai temi che mi fecero guadagnare il 2. (Ard)

Più informazioni su