Quantcast

Le rubriche di RomaDailyNews - OPS - Opinioni politicamente scorrette - di Arrigo d'Armiento

Giusto e utile lavorare gratis per imparare un mestiere

Più informazioni su

    Giusto e utile lavorare gratis per imparare un mestiere –

    Le aziende si lamentano perché non trovano lavoratori disposti a essere assunti a stipendio sindacale in molti settori, specialmente quelli stagionali. Chi percepisce il reddito di cittadinanza risponde che non gli conviene rinunciare a 780 euri al mese per stare senza far niente (e magari arrotondare in nero) per accettare uno stipendio di 800 euri per lavorare come uno schiavo. E sul web girano addirittura offerte di lavoro “a titolo gratuito” a giovani alla prima esperienza.

    Io a titolo gratuito ho cominciato volentieri nel 1962. Alla fine del primo mese, ho avuto in premio una banconota da cinquemila lire, che mi serviva per pagarmi la tessera del tram. Dopo un paio di mesi ho avuto un aumento arrivando a guadagnare 15mila lire, diventate dopo altri mesi trentamila. Lo stipendio di una commessa di Standa era di 25mila lire, nei negozietti un po’ meno.

    Ma ho imparato tanto fino a trovare lavoro ben retribuito nei cinquanta anni successivi. Esistono datori di lavoro furbi e sfruttatori, ma in molti casi s’impara il mestiere.

    Perché a scuola devi pagare, attraverso le tasse o la retta, per imparare quali sono gli affluenti di destra del Po, e poi vuoi essere pagato da chi ti insegna  un mestiere che può essere anche molto redditizio? (nella foto, una protesta dei lavoratori davanti a un ministero).

    Arrigo d’Armiento

    Più informazioni su