Quantcast

La Lazio liquida la Samp e riscavalca la Roma

Più informazioni su

    La Lazio liquida la Samp e riscavalca la Roma –

    Bella vittoria della Lazio all’Olimpico contro una Sampdoria che ha fatto quel che ha potuto per difendersi dagli assalti dei padroni di casa. Prima, al 41’, Patric ha punito il portiere Audero deviando con un guizzo in rete il pallone lanciato su punizione con somma precisione da Luis Alberto, poi, al 59’, lo stesso Luis Alberto, in grande giornata, ha raddoppiato dribblando tutti, compreso il portiere.

    Il bravo portiere blucerchiato questa partita se la ricorderà per parecchio tempo, come gli ha intimato dalla tribuna uno spettatore parafrasando D’Annunzio: “Memento Audero Semper!”. C’era poco da osare contro la Lazio di oggi. L’unico che lo ha fatto, al 90’, è stato Quagliarella che ha centrato il palo a Strakosha battuto, dimenticando che anche quel palo era della Lazio, che i pali sa addestrarli bene.

    La squadra romana ha messo così in cassaforte tre punti preziosi che le consentono, almeno fino a domani, di scavalcare la Roma al quinto posto e di rafforzarsi nella corsa alla Europa League.

    Dal primo minuto s’è visto sùbito che i padroni di casa avevano brutte intenzioni e nessuna voglia di lasciar giocare gli ospiti, affamati di punti per garantirsi la salvezza. Luis Alberto ha cominciato sùbito, al 4’ minuto, a mettere in chiaro chi comandava il gioco. Calcio d’angolo direttamente su Audero che ha respinto coi pugni il pallone, finito di nuovo in angolo.

    Da quel momento, la Lazio ha dominato tutta la partita, con i liguri impegnati a difendersi come hanno potuto, inseguiti dalle inutili urla di Giampaolo. Luis Alberto, Milinkovic Savic, Zaccagni, Lazzari e Felipe Anderson hanno creato il caos nelle retrovie degli ospiti, con Immobile sempre pronto a infilarsi negli spazi lasciati per un attimo aperti in prima linea. Un paio di occasioni anche per la Samp, con Caputo e Candreva, senza esito.

    E si arriva al 41’ quando, su punizione di Luis Alberto, mirata con precisione sulla sua testa, Patric riesce a trovare un po’ di spazio in mezzo al muro dei difensori e insacca imparabilmente.

    Al 59’ il capolavoro di Luis Alberto. Lazzari gli regala una palla, lo spagnolo la usa per dribblare tutti, compreso il portiere, e segna il decisivo 2-0.

    Partita finita? Macché, la Lazio oggi è scatenata. I romani continuano a provarci fino al termine, per niente spaventati dai tentativi di Candreva, di Berezynski e di Quagliarella, fino a quando l’arbitro Massa decide che si può tornare a casa.

    Sarri al 66’ fa entrare Lucas Leiva per Cataldi, al 77’ Basic per Luis Alberto, un minuto dopo Hysaj per Lazzari, all’83’ Romero per Zaccagni. Giampaolo al 69’ sostituisce Caputo con Quagliarella e Sabiri con Damsgaard, al 78’ Thorsby con Askildsen, all’86’ Vieira, ammonito, con Trimboli.

    Bruno Cossàr

    Più informazioni su