RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

La Roma ancora decimata sfida il Milan: Mancini di nuovo in mediana, recupera Santon

Roma – Il piatto forte della nona giornata di serie A sarà lo scontro delle 18 tra Roma e Milan. Giallorossi e rossoneri si troveranno l’uno contro l’altro allo stadio Olimpico di Roma, allorquando si contenderanno 3 punti in palio utili per risalire la china. Ambedue le formazioni non hanno cominciato forte il campionato corrente, costringendo addirittura il Diavolo ad allontanare Giampaolo e sostituirlo con Stefano Pioli. L’ex allanatore della Lazio non ha tuttavia anche lui cominciato col piede giusto, impattando 2-2 a San Siro con il Lecce. Per questo motivo, una Roma nuovamente imbottita di assenze, dovrà far attenzione ad un Milan sì ferito, ma alla caccia del primo successo col nuovo allenatore in panchina.

Qui Roma

Coperta sempre più corta per Paulo Fonseca. L’unico recuperato per il big match odierno è Davide Santon, poiché tutti gli altri sono ancora fermi ai box. Oltre ai lungodegenti dovrà rimanere escluso dalla gara anche Justin Kluivert, causa cartellino rosso rimediato nello 0-0 maturato a Genova con la Samp. Per questo motivo sono stati inseriti 3 primavera nella distinta dei convocati: Alessio Riccardi e Riccardo Calafiori alla seconda chiamata dopo la sfida di Europa League, ma anche Ebrima Darboe, mediano degli under19 di Alberto De Rossi.

Mancini ancora mediano. Per l’azzurro seconda partita consecutiva nell’inedito ruolo

Come suggerito da Fonseca durante la conferenza stampa svolta alla vigilia, Gianluca Mancini potrebbe essere chiamato ancora una volta a svolgere il ruolo di mediano. Nell’1-1 di coppa il centrale di difesa è stato schierato proprio in quella porzione di campo, potendo così sopperire alla doppia assenza di Diawara e Cristante, senza sfigurare nel nuovo ruolo a lui ritagliato.
La coppia di centrali di difesa sarà per forza di cose Smalling-Fazio, con Spinazzola e Kolarov uno sulla destra e l’altro sulla sinistra.

Perotti dal 1° per via della squalifica di Kluivert. Dzeko stakanovista ancora in campo

L’altro centrocampista davanti alla difesa sarà Jordan Veretout, ultimo superstite in quel ruolo alla strage di calciatori fermati da infortuni.
Novità importante sarà rappresentata da Diego Perotti. L’argentino ha messo un pò di minuti nelle gambe contro il Gladbach, ma i 90 interi mancano ormai dalla passata stagione. Per motivi ormai noti sarà lui a partire titolare tra i 3 trequartisti, con Zaniolo al centro e Florenzi dalla parte opposta.
Dzeko, infine, chiamato agli straordinari e sempre presente come unica punta. Il bosniaco deve giocare per via di mancanza di alternative, nonostante la solita quanto fastidiosa mascherina a protezione dello zigomo

Roma 4-2-3-1: Pau Lopez; Spinazzola-Smalling-Fazio-Kolarov; Mancini-Veretout; Florenzi-Zaniolo-Perotti; Dzeko

Qui Milan

Fa effetto vedere il Milan relegato nella parte destra della classifica, al 12° posto e con soli 10 punti ottenuti. Eppure, dopo la travagliata estate che ha visto i rossoneri essere sostituiti proprio dai giallorossi in Europa League, causa squalifica comminata dalla Uefa, l’avvio di campionato è stato altrettanto burrascoso. Già 4 le sconfitte rimediata, tra cui il 2-0 subito nel derby con l’Inter. La serie di risultati negativi ha spinto la società milanista a prendere l’estrema decisione di allontanare Marco Giampaolo, anche se paradossalmente il suo esonero è arrivato dopo la vittoria in rimonta sul campo del Genoa.

Piatek o Leao? gli ultimi dubbi verranno sciolti da Pioli a ridosso del match

Al suo posto, dopo un testa a testa con Luciano Spalletti, è stato scelto Stefano Pioli. Il tecnico parmigiano recupera Calabria per l’impegno dell’Olimpico, che quasi sicuramente prenderà il posto di Conti in difesa. I rossoneri scenderanno in campo con un 4-3-3, in cui il ballottaggio più importante sarà quello tra Piatek e Leao. Il polacco è in leggero vantaggio, ma gli ultimi dubbi saranno sciolti solo a ridosso del calcio d’inizio.

Rebic insidia Suso per una maglia da titolare. Unica certezza in attacco è Calhanoglu

I 4 a protezione di Donnarumma, oltre al già citato Calabria, saranno Musacchio, l’ex Romagnoli e Hernandez. Il trio dei centrocampisti vedrà invece Kessiè, Biglia e Paquetà. In attacco, infine, Rebic potrebbe rimpiazzare uno scialbo Suso e accompagnare Piatek e Calhanoglu in fase di spinta.

Milan 4-3-3: Donnarumma; Calabria-Musacchio-Romagnoli-Hernandez; Kessiè-Biglia-Paquetà; Rebic-Piatek-Calhanoglu

I precedenti

Gli ospiti hanno sbancato l’Olimpico capitolino in 28 circostanze differenti. I giallorossi hanno trionfato tra le mura amiche 3 volte in meno (25), mentre i segni X sono 31. L’ultimo di questi risale alla scorsa stagione, quando Zaniolo fissò il punteggio sull’1-1 dopo il vantaggio iniziale firmato Piatek.

Di Nainggolan l’ultimo gol vittoria contro il Milan. Cutrone e Calabria i mattatori dell’anno successivo per gli ospiti

L’ultima vittoria romanista risale alla stagione 2016/2017. Un calcio di rigore neutralizzato da Szczesny a Niang sullo 0-0 permise poi ai padroni di casa di far bottino pieno grazie al sinistro a giro di Radja Nainggolan (1-0).
L’ultima volta in cui a passare è stato il Milan, invece, è registrata nella stagione successiva: 0-2 grazie ai gol di Cutrone e Calabria.

Massimiliano Sciarra