RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

La Roma riceve il Napoli: Fonseca pensa a Cetin al fianco di Smalling

Roma – Il big match dell’11esima giornata tra Roma e Napoli si disputerà quest’oggi alle ore 15 allo stadio Olimpico capitolino. Le due formazioni sono separate da un solo punto in classifica, con i giallorossi davanti dopo aver approfittato del pareggio infrasettimanale dei partenopei e conquistando 3 punti pesantissimi sul campo dell’Udinese.
La trasferta in Friuli ha dato ulteriore slancio ai ragazzi di Paulo Fonseca, rinvigoriti per aver trovato la vittoria nonostante l’inferiorità numerica. Per il Napoli, invece, c’è da stemperare gli animi dopo le tante polemiche per un calcio di rigore non assegnato nell’ultimo impegno contro l’Atalanta e i due pareggi maturati nelle ultime 2 gare.

Qui Roma

Cetin in rampa di lancio. Il turco pronto ad iniziare da titolare dopo 2 ingressi in corso d’opera

Come ogni partita anche per questa il tecnico portoghese dovrà fare a meno di un altro calciatore. A non poter scendere in campo quest’oggi è Federico Fazio, squalificato dopo il cartellino rosso diretto rimediato a Udine. L’assenza dell’argentino rimescola le carte sul tavolo del lusitano, il quale potrebbe affidare il ruolo di spalla di Smalling a Mert Cetin. Il turco nelle ultime due giornate ha soddisfatto prima nel ruolo di terzino destro, poi in quello di mediano ed ora ci sono buone chance che il suo ruolo naturale possa finalmente essere messo in mostra.
Spinazzola di nuovo in campo dopo aver lasciato spazio a Santon, mentre Kolarov non è contemplato possa rifiatare per mancanza di alternative.

Mancini in mediana non è più una novità. Sarà ancora lui ad affiancare Veretout davanti alla difesa

A centrocampo Mancini non rappresenta più una novità. L’azzurro ha dimostrato una grande sensibilità nel ruolo affidatogli da Fonseca, mostrando agio e consapevolezza nell’affiancare Jordan Veretout nei 2 davanti alla difesa.
Nessuna novità dovrebbe esserci poi nei 3 trequartisti. Under è stato ancora una volta convocato ma difficilmente inizierà dall’inizio. Questo ci porta a pensare ad una linea formata da Zaniolo a destra, Pastore al centro e Kluivert a sinistra.

Dzeko cerca il primo squillo al Napoli tra le  mura amiche. Partenopei puniti già 4 volte ma in trasferta

Davanti Edin Dzeko proseguirà a condurre l’attacco. Il centravanti bosniaco ha punito gli azzurri in 4 occasioni, ma sempre durante sfide al San Paolo di Napoli. Per questo oggi andrà alla caccia del 1° sigillo ai napoletani tra le mura amiche.
Per il calciatore nato a Sarajevo sono già 5 i centri stagionali, di cui 3 di testa. Per lui un’altra partita con la maschera a protezione dello zigomo, in attesa di poterla lasciare nell’armadietto degli spogliatoi una volta ridotta a sufficienza la frattura.

Roma 4-2-3-1: Pau Lopez; Spinazzola-Smalling-Cetin-Kolarov; Mancini-Veretout; Zaniolo-Pastore-Kluivert; Dzeko

Qui Napoli

Ancelotti non potrà sedere in panchina dopo il rosso contro l’Atalanta. Al suo posto il figlio Davide

Il momento attraversato dai partenopei non è di quelli più rosei. La squadra di Carlo Ancelotti, grande assente in panchina dopo il rosso rimediato contro i bergamaschi, era partita con l’obiettivo di mettere da subito pressione ai bianconeri per cercare di spodestarli dal trono di campioni d’Italia. Per ora, tuttavia, dopo 10 giornate giocate gli azzurri sono appaiati con la Lazio al 5° posto in classifica, alle spalle proprio dei giallorossi.

Prima da ex per Manolas. Il greco ha recuperato e giocherà in coppia con Koulibaly

In porta Meret dovrà farsi perdonare la ‘papera’ di mercoledì scorso. In difesa torna Manolas, l’altro grande ex di giornata. Per il greco prima volta da avversario contro la sua vecchia squadra, chiamato ad affiancare Koulibaly al centro della difesa. Di Lorenzo e Hysaj saranno coloro che agiranno ai lati del duo succitato.

Allan non ce la fa. In avanti attenzione ai gemelli del gol Milik-Mertens

Il centrocampo sarà orfano di Allan infortunato. I 4 in quella porzione di campo saranno Callejon, Zielinski, Fabian Ruiz e Insigne. Davanti attenzione al tandem Milik-Mertens. I due hanno marcato 4 gol ciascuno, 8 dei 20 totali messi a segno dalla totalità della squadra.

Napoli 4-4-2: Meret; Di Lorenzo-Manolas-Koulibaly-Hysaj; Callejon-Zielinski-Fabian Ruiz-Insigne; Milik-Mertens

I precedenti

Il successo interno manca dal lontano 2016. Poi solo Napoli: 3 vittorie negli ultimi 3 campionati

Sono 72 gli incroci all’Olimpico, di cui 32 vittorie per i padroni di casa, 28 pareggi e 12 successi ospiti. Di questi 12 ben 3 sono arivati negli ultimi 3 campionati: 1-4 l’anno scorso, 0-1 nella stagione precedente e ancora 1-2 in quella prima. Per risalire all’ultimo successo romanista dobbiamo tornare al 25 aprile 2016, quando bastò un sussulto di Nainggolan all’89esimo per regolare i partepoei per 1-0.

Quello di oggi sarà il 3° scontro tra Fonseca e il Napoli. Per ora il portoghese ha vinto una volta e perso altrettante

Sono invece 2 i precedenti di mister Fonseca contro il Napoli, entrambi quando sedeva sulla panchina dello Shakhtar Donetsk. Perfetto equilibrio, avendo ottenuto una vittoria per 2-1 in Ucraina e una sconfitta per 3-0 in Italia all’interno dell’edizione della Champions 2017/2018. Al termine di quel girone a passare fu proprio la formazione del tecnico portoghese, mentre il Napoli fu costretto a ripiegare in Europa League. Nel turno sucessivo lo Shakhtar venne eliminato proprio dalla Roma negli ottavi di finale della massima manifestazione europea per club.

Massimiliano Sciarra