RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Lazio-Roma: derby dal peso europeo, Di Francesco recupera Manolas

Roma – Nella giornata numero 26 andrà in scena il sentitissimo derby tra Roma e Lazio. Stasera, alle 20.30, giallorossi e biancocelesti daranno vita all’eterna battaglia che divide la metropoli capitolina. Oltre alla supremazia cittadina, che contraddistingue da sempre il duello romano, in palio ci saranno 3 punti pesanti come macigni per proseguire la corsa alla prossima Champions League.

Le due compagini sono separate attualmente da 6 punti in classifica, con la Lazio che al momento ha però una gara di ritardo sulla propria tabella di marcia. Una vittoria per gli uomini di Inzaghi vorrebbe quindi dire ‘virtuale’ aggancio in classifica, mentre per quelli di Di Francesco un successo significherebbe, oltre ad un ulteriore allungo proprio sugli avversari di oggi, proseguire la rincorsa alle 2 squadre di Milano.

Qui Roma

Buone notizie per mister Di Francesco. Manolas è recuperato e sarà arruolato per il big match in programma stasera. Il greco aveva lasciato tutti col fiato sospeso nella gara di sabato scorso contro il Frosinone, uscendo malconcio dal terreno di gioco e mettendo in serio dubbio il suo impiego con la Lazio. Per il difensore, tuttavia, recupero lampo e possibilità di venir schierato fin dal calcio d’inizio al centro della difesa.

Al suo fianco ballottaggio tra Federico Fazio e Juan Jesus. L’argentino non sta certamente affrontando la miglior stagione da quando è approdato in Italia, ma sembra comunque in vantaggio rispetto al brasiliano. Ai loro lati, a completare il quartetto a protezione di Olsen, ci saranno Florenzi a destra e il grande ex Kolarov a sinistra. Proprio il serbo decise la gara di andata, segnando la rete del 2-1 direttamente su calcio di punizione e vanificando contestualmente il momentaneo pareggio firmato Immobile (3-1 risultato finale).

A centrocampo De Rossi agirà al centro del 4-3-3, regolarmente sul prato dopo aver oliato gli ingranaggi nella vincente trasferta in ciociaria. Vicino al capitano ci sarà Cristante da una parte e Lorenzo Pellegrini dall’altra, per una linea mediana interamente a tinte azzurre. Così come pigmentazioni azzurre avranno due terzi dell’attacco, che vedrà Zaniolo esterno offensivo di destra ed El Shaarawy sulla corsia opposta. In mezzo ai due, Dzeko. Il bosniaco va alla caccia del primo centro in campionato allo stadio Olimpico, anche se per onor di cronaca va detto che sarà la Lazio (formalmente) padrona di casa per la gara di oggi.

Roma 4-3-3: Olsen; Florenzi-Manolas-Fazio-Kolarov; Cristante-De Rossi-Pellegrini; Zaniolo-Dzeko-El Shaarawy

Qui Lazio

Simone Inzaghi e company reduci dalla sconfitta per 2-1 sul campo del Genoa, arrivata quando ormai sembrava certo il pareggio. Pareggio che che è invece giunto in gara 1 di coppa Italia, in cui i laziali hanno impattato 0-0 contro il Milan nella semifinale di andata di coppa nazionale.
Per la sfida alla Roma sospiro di sollievo per alcuni big, tornati a disposizione e utili alla causa derby. Ciro Immobile, per esempio, guiderà l’attacco in cerca del bis dopo il centro dell’andata. Ma il punto forte del club di Lotito non è tanto l’attacco, quanto più il pacchetto arretrato. Sono solo 27 i gol incassati da Strakosha, 6 in meno rispetto all’accoppiata Olsen-Mirante. La solidità difensiva sarà dunque il punto di forza su cui farà leva ancora una volta Inzaghi, verosimilmente in campo con un massiccio 3-5-1-1.

La linea difensiva a 3 vedrà Bastos, Acerbi e Radu, col neo acquisto Romulo e Lulic pronti ad abbassarsi quando c’è da coprirsi, ma anche ad alzarsi quando bisognerà intraprendere azioni volte a far male alla difesa romanista. In mezzo ai due laterali troveremo Parolo, l’esperienza di Leiva e Milinkovic-Savic. Attenzione anche a Correa: el Tucu, così soprannominato, ha le caratteristiche per mandare in difficoltà qualsiasi avversario, e giocherà alla spalle dell’unica punta Ciro Immobile.

Lazio 3-5-1-1: Strakosha: Bastos-Acerbi-Radu; Romulo-Parolo-Leiva-Savic-Lulic; Correa; Immobile

Massimiliano Sciarra