RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Number Twelve, Mangiatordi: ”Buffon il migliore”

Più informazioni su

Number Twelve, Mangiatordi: ”Buffon il migliore”

I nostri microfoni si sono spostati in giro per l’Italia per andare a scovare ma soprattutto per presentare una nuova figura che andrà ad arricchire il nostro staff.

Luca Sabino Mangiatordi, laureato in fisioterapia e scienze motorie, protagonista nel calcio a 5 dove ricopre, da ormai 11 anni, la figura di preparatore atletico e fisioterapista.

La sua avventura inizia a Modugno in A2 per poi raggiungere, dopo innumerevoli società, una stabile doppia figura al Futsal Ruvo dove attualmente milita.

Il calcio a 5 è solo uno dei palcoscenici nazionali dove Luigi svolge la propria attività; parallelamente infatti, ricopre la figura di preparatore atletico nello sport della palla a spicchi ovvero la pallacanestro.

Buongiorno Luigi, come abbiamo potuto scoprire, sei  amante di ogni tipo di sport; da dove nasce e a quanto tempo fa, risale questa tua grande passione?

“Vivo praticamente da sempre all’interno di campi e palazzetti di ogni tipo. Inizialmente come giocatore, poi come fisioterapista e preparatore atletico. Il mio grande amore è sempre stata la pallacanestro, ma, con il passare degli anni, ho avuto modo di scoprire il calcio a 5, uno sport veloce e dinamico che si avvicina molto al basket sia per il numero di giocatori che per le misure del rettangolo di gioco; ti confesso che spesso faccio fare la stessa  preparazione agli atleti di entrambe le discipline”.

Cosa vuol dire per te entrare a far parte di un progetto dedicato esclusivamente alla figura del portiere ?

“Mi trovo per caso nel vostro mondo. Ad illustrarmi questo fantastico progetto è stato Mimmo Di Bari e in seguito Gabriele Lo Pinto. Sono una persona che ama lo sport ed entrambi mi hanno trasmesso il medesimo sentimento, mi hanno subito coinvolto. Sono contento di poter fare parte di questa grande famiglia e portare, là dove è possibile, tutta la mia esperienza lavorativa. Il calcio a 5 è uno sport bellissimo ma deve ancora crescere”.

Come può migliorare il nostro sport?

“Penso che il primo passo sia quello di riformare i campionati. Molte squadre ogni anno sono costrette per problemi di natura economica ad abbandonare in corsa le competizioni, andando così a sfalsare tutta la stagione. Altro passo importante, anzi azzarderei dire fondamentale per tutto il movimento italiano, è la crescita del settore giovanile; bisogna credere e puntare di più sui giovani. Inoltre, spero, che presto il calcio a 5 possa essere reso uno sport professionistico”.

Da preparatore atletico quali pensi siano le caratteristiche vincenti che un estremo difensore deve avere? E chi pensi che le rispecchia maggiormente?

“Secondo il mio punto di vista per essere un ottimo estremo difensore bisogna lavorare su 4 punti : talento, testa, fisico ed infortuni. Pochi sono i portieri che rispecchiano tutti e quattro gli elementi, ma se ti dovessi fare un nome sarebbe sicuramente quello di Gianluigi Buffon”.

Sogni nel cassetto?

“Vorrei arrivare in Premier League”. (Nella foto, Luigi Mangiatordi al lavoro)

Liliana Nicoletta

Più informazioni su