RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Panchina rovente per Di Francesco: la Roma cerca punti a Bologna

La Roma vuole mettersi alle spalle Madrid e inseguire un po’ di equilibrio in campionato. Di Francesco e i suoi ragazzi cercano la cura giusta per lenire le sofferenze di questo inizio stagione, ed il Bologna potrebbe essere la medicina giusta per tamponare le ferite fin qui aperte. I Capitolini saranno contrapposti ai Felsinei questo pomeriggio, con calcio d’inizio fissato per le ore 15 allo stadio Renato Dall’Ara del capoluogo emiliano-romagnolo. Per l’allenatore romanista primo esame da superare per salvare una panchina bollente e divenuta fin troppo traballante.

Tutti a disposizione, o quasi, gli uomini dell’ex Sassuolo. Pastore ha recuperato dal suo infortunio e riapparirà dunque abile e arruolato per la trasferta bolognese. L’argentino vuole tornare a sentirsi al centro del progetto romanista dopo lo splendido gol di tacco segnato all’Atalanta, ma c’è da battere la concorrenza di diversi giocatori per assicurarsi una maglia fin dall’inizio di gara.
Chi non partirà per la trasferta è Rick Karsdorp. Le prime voci rimbalzate sul terzino olandese parlano di un diverbio con il tecnico abruzzese, ma da Trigoria smentiscono categoricamente che l’esclusione possa essere meramente disciplinare e riferiscono di una decisione prettamente tecnica.
Diverse difficoltà a decifrare le scelte del coach fin dal reparto difensivo. Durante la gara al Real Madrid chi più di tutti ha mostrato sintomi d’insofferenza è stato Federico Fazio. Proprio il centrale dell’Albiceleste potrebbe dunque lasciare spazio a una possibile alternativa. La soluzione più accreditata è verosimilmente Marcano, il quale sarà chiamato a spalleggiare Manolas al centro del pacchetto arretrato. Pacchetto arretrato rifinito da Florenzi a destra e presumibilmente Kolarov a sinistra, ma non è escluso l’impiego last minute di Luca Pellegrini.
A centrocampo rivedremo Cristante e Lorenzo Pellegrini. I due nazionali occuperanno gli slot di interni di centrocampo affiancando capitan De Rossi. In attacco, dopo aver assaporato la tribuna del Bernabeu, Kluivert avrà la chance di mettere in mostra le sue giovani doti. A completare l’offesa giallorossa Edin Dzeko e Diego Perotti.

Roma 4-3-3: Olsen; Florenzi-Manolas-Marcano-Kolarov; Pellegrini-De Rossi-Cristante; Kluivert-Dzeko-Perotti

Ancor più traumatico l’avvio di campionato per la compagine allenata da Filippo Inzaghi. L’ex tecnico del Venezia non ha cominciato col piede giusto la sua nuova esperienza sulla panchina rossoblù. Il Bologna ha di fatto collezionato solamente 1 punto in  4 incontri, frutto di un pareggio e tre sconfitte. Se l’unico punto in graduatoria non bastasse a far scattare più di qualche campanello d’allarme in casa dei Petroniani, lo zero alla casella ‘gol segnati’ non fa dormire sonni tranquilli a patron Joey Saputo.
Padroni di casa che tra i pali schiereranno l’ex giallorosso Skorupski. Il polacco ha lasciato la capitale proprio nell’ultimo mercato estivo, accasandosi all’ombra della Torre degli Asinelli.
Inzaghi opterà per un 3-5-2. Il terzetto di difendenti sarà composto da De Maio, Danilo e Gonzalez. Grande densità a centrocampo, dove i calcitatori saranno ben 5: Mattiello, Poli, Nagy, Dzemaili e Dijks. In avanti, invece, proveranno a spezzare il digiuno dal gol il tandem Falcinelli e Santander.

Bologna 3-5-2: Skorupski; De Maio-Danilo-Gonzalez; Mattiello-Poli-Nagy-Dzemaili-Dijks; falcinelli-Santander

Sono 70 gli incontri fin qui disputati all’ex stadio Littoriale tra Bologna e Roma. Durante la passata stagione il match ha visto le due avversarie impattare per 1-1. Al gol del vantaggio di Pulgar rispose Dzeko, fissando la disputa in perfetta parità.
Per risalire a una vittoria dei giallorossi non dobbiamo fare troppa strada a ritroso. Nel 2016/2017 fu infatti  registrato un 3-0 a favore degli uomini all’epoca allenati da Luciano Spalletti. Bisogna addirittura risalire al 2004 per trovare invece un successo per i padroni di casa. In quella circostanza la doppietta di Meghni e il gol di Cipriani resero vana la realizzazione capitolina di Totti.
Nel computo totale la Roma è in vantaggio: 30 successi, 21 pareggi e 19 sconfitte.

Massimiliano Sciarra