RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: adesso o mai più, contro l’Inter per rilanciare la stagione

Roma – Il posticipo della domenica sera vedrà la Roma ospitare l’Inter allo stadio Olimpico capitolino. Alle ore 20.30 giallorossi e nerazzurri si contenderanno l’intera posta in palio difronte ad una buona cornice di pubblico, nella giornata numero 14 della massima divisione calcistica italiana.
Per i padroni di casa e il suo tecnico l’ennesima chance di rilancio, l’ennesima occasione per provare a raddrizzare una stagione che sin qui ha regalato più amarezze che gioie. I 19 punti in classifica e, soprattutto, il ritardo sull’ultimo posto valido per accedere alla prossima Champions League, non possono far dormire sonni tranquille al mister e i suoi ragazzi. Ecco perchè la sfida odierna diventa una vera e propria ultima spiaggia sia per Di Francesco, sia per gli uomini in campo. Il primo perché, a detta dell’opinione comune, in caso di mancato successo rischierebbe seriamente di vedersi detronizzato, costringendo la società a prendere l’estrema decisione di allontanare l’ex Sassuolo. I secondi, invece, complicherebbero ulteriormente la corsa all’Europa che conta, distante fino ad oggi 4 punti.

Discorso diametralmente opposto per i nostri avversari del grande ex Luciano Spalletti. L’allenatore toscano è riuscito finalmente a plasmare a propria immagine e somiglianza la squadra meneghina, issandola fino al 3° posto in graduatoria e candidandosi prepotentemente come una delle 4 partecipanti alla prossima coppa campioni. La sua Inter arriva allo scontro dell’Olimpico sicura che possa ripetersi lo scenario dell’anno scorso, quando i suoi 11 piegarono i giallorossi con il netto risultato di 3-1 a proprio favore.
A proposito di ex: si attendeva con grande interesse il ritorno di Radja Nainggolan nella Capitale, ma le tifoserie di una e dell’altra sponda dovranno raffreddare i bollenti spiriti e rimandare l’appuntamento in un’altra occasione. Il belga, infatti, non prenderà parte alla trasferta romana a causa di alcuni fastidi muscolari registrati durante la sconfitta (1-0) maturata a Londra contro il Tottenham in Champions League.

Qui Roma

Di Francesco può tirare un sospiro di sollievo a metà. Contro l’Inter torneranno a disposizione Javier Pastore e Diego Perotti. I due argentini hanno smaltito i rispettivi infortuni, tornando così abili e arruolati e pronti a scendere in campo a match già inoltrato. Chi dovrà ancora dare forfait sono Daniele De Rossi, Lorenzo Pellegrini, Edin Dzeko e per ultimo, ma non per ultimo Stephan El Shaarawy. Quattro assenze pesanti come macigni, che costringeranno l’allenatore a mescolare le carte in mezzo al rettangolo di gioco.
Il carico dell’attacco romanista graverà nuovamente e totalmente sulle spalle di Patrik Schick, titolare per forza di cose al centro dell’area di rigore. Alle sue spalle agirà l’altro grande ex di giornata, quel Nicolò Zaniolo che a sorpresa, ma solo per i mal informati, si sta prendendo le intere copertine dei quotidiani grazie alle ottime prestazioni sciorinate. Il classe 99 sarà poi affiancato da Under da una parte, chiamato a riscattare il grossolano errore contro il Madrid e Justin Kluivert.
In difesa, a protezione di Olsen, vedremo Florenzi, Manolas, Fazio e Kolarov, mentre dinanzi a loro Nzonzi e Cristante ancora una volta costretti agli straordinari.

Roma 4-2-3-1: Olsen; Florenzi-Manolas-Fazio-Kolarov; Cristante-Nzonzi; Under-Zaniolo-Kluivert; Schick

Qui Inter

Nerazzurri reduci in campionato dal rotondo e convincente 3-0 inflitto al Frosinone, ma anche dalla sconfitta raccolta in Inghilterra che ha scombussolato i piani europei di Spalletti e co.
Come detto qualche riga più in su, non prenderà parte alla disputa Radja Nainggolan, mentre De Vrij c’è ma potrebbe lasciare campo a Miranda. In attacco osservato speciale Mauro Icardi, autentico spauracchio non solo della Roma ma di tutte le difese avversarie. L’anno scorso fu l’autentico mattatore della sfida, firmando 2 dei 3 gol con cui l’Inter tornò a Milano con i 3 punti in tasca.
Grande interesse riscontrano anche i 3 trequartisti, tra cui figura anche Matteo Politano. Anche lui fa parte di quella schiera di ex con un passato all’interno del centro tecnico Fulvio Bernardini. Insieme a lui il rigenerato Joao Mario e Ivan Perisic.
Oltre ad Handanovic, i 4 difendenti saranno D’Ambrosio, Skriniar, Miranda ed Asamoah, mentre i 2 mediani Brozovic e Vecino, l’altro marcatore del 1-3 della passata stagione.

Inter 4-2-3-1: Handanovic; D’Ambrosio-Skriniar-Miranda-Asamoah; Brozovic-Vecino; Politano-Joao Mario-Perisic; Icardi

Massimiliano Sciarra