RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma da paura nonostante l’arbitro: 0-4 a Udine e 4° posto agganciato

Più informazioni su

Roma – La Roma travolge l’Udinese in trasferta e aggancia il quarto posto in classifica. A Udine, nel turno infrasettimanale valido per la decima giornata di serie A, i giallorossi passeggiano sui padroni di casa friulani nonostante una direzione di gara ancora una volta discutibile. Il rosso diretto mostrato a Fazio al 37esimo del primo tempo è di quelli molti severi, ma non è bastato a fermare una Roma finalmente avvolgente. Al gol di Zaniolo nella prima frazione si aggiunge il tris nel nome di Smalling, Kluivert e Kolarov, che valgono lo 0-4 conclusivo e la seconda vittoria in appena 3 giorni.

Raccolto l’invito di Perotti di non abbassare la guardia. Per Zaniolo terzo gol consecutivo

Perotti lo aveva detto nell’immediato post Roma-Milan: “non vincere a Udine vanificherebbe la vittoria di oggi”. Così la Roma non solo ha vinto, ma ha anche convinto. Nell’undici di partenza le uniche novità sono Santon al posto di Spinazzola e Kluivert per lo stesso Diego Perotti.
La partita si mette subito in discesa al 13esimo, quando uno svarione di Samir lascia la possibilità a Zaniolo di andare a tu per tu con Musso e di batterlo. Per il nazionale azzurro terzo centro consecutivo dopo le polemiche sterili sollevate dall’ex tecnico Fabio Capello.

Severo il rosso per fallo di Fazio su Okaka, l’argentino salterà il Napoli

Al 31esimo l’episodio che potrebbe cambiare radicalmente l’andamento della gara. Fazio commette fallo da ultimo uomo su Okaka lanciato in volata verso Paulo Lopez. Lo scontro sembra esserci, ma la cattiveria nell’intervento non così accentuata da ipotizzare un rosso diretto. Per il direttore di gara, invece, ci sono gli estremi per la massima pena, mandando tra infinite discussioni di campo il difensore argentino sotto la doccia prima dell’intervallo.

Smalling trova il primo gol italiano. La Roma raddoppia nonostante l’inferiorità

La Roma però non si disunisce e torna sul rettangolo di gioco ancora più risoluta a portare a casa 3 punti fondamentali. Al 6′ arriva il tanto atteso gol di Chris Smalling. Il gigantesco centrale approfitta di un pallone rimasto lì a disposizione dopo un calcio d’angolo, non facendosi pregare per spingere in fondo alla rete il cuoio del raddoppio. Primo centro italiano per l’inglese e 0-2.

Tris di Kluivert al termine di un contropiede magistrale

Tre minuti più tardi contropiede da far studiare nelle scuole calcio avviato da Mancini, orchestrato da Pastore e rifinito da Kluivert. Splendido il passaggio in mezzo a due difensori friulani del Flaco per Kluivert. Altrettanto splendido il tiro sul primo palo dell’olandese, scaltro a freddare Musso e a gelare l’intera Dacia Arena.

Per Kolarov sono 4 i centri fin qui. Il terzino si è riscattato dopo l’errore di Lecce

Il sipario cala definitivamente al 19esimo, quando la palla sbatte sul braccio di Becao e per Irrati non ci sono dubbi: calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Kolarov, che dopo l’errore di Lecce si riscatta e porta a 4 le marcature personali e quelle di squadra.

Pau Lopez chiude la serata con la porta inviolata. Prossimo ostacolo il Napoli

Il finale è in totale controllo degli ospiti, bravi a concludere con la porta inviolata nonostante l’inferiorità numerica.
Salgono a 19 i punti in classifica, che valgono il 4° posto solitario a -2 dall’Atalanta terza.
Prossimo appuntamento fissato per sabato, quando alle 15 andrà in scena il big match contro il Napoli allo stadio Olimpico.

Massimiliano Sciarra

Più informazioni su