Quantcast

Roma: Herrera e De Ligt nel mirino

Che il mercato non si ferma mai è da tempo un concetto fin troppo scontato. Che le basi di futuri accordi si gettano a stagione in corso ne è una fisiologica conseguenza. Monchi e la Roma, naturalmente non fanno eccezione a questa normale prassi operativa che vede il suo concretizzarsi nelle ‘estati pallonare’.

Hector Herrera e Matthijs de Ligt  sono calciatori che a Trigoria piacciono e non poco. Due calciatori diversi, in ruoli diversi e concettualmente due eventuali investimenti molto diversi. E non stiamo parlando solo di soldi, anche se il ‘fattore pecunia’ resta sempre un elemento fondamentale e imprescindibile nell’acquisto di calciatori.

Si tratta in realtà di due profili profondamente differenti. Il primo è un classe ’90 e quindi calciatore già fatto, un ‘usato sicuro’. Sai quello che può dare. Il secondo non ha ancora vent’anni; tanto talento ma pochissima esperienza. Può essere un crack o un flop. O magari attestarsi nel mezzo.

Il ventottenne è un centrocampista della nazionale messicana, che ha giocato negli ultimi 5 anni nel Porto. Abbina dinamismo, corsa e ‘garra’ ad un’ottima tecnica di base. Importante anche la sua esperienza internazionale, soprattutto in Champions League. Segna poco, anche se in una stagione ha sfiorato la doppia cifra. Insomma quantità, qualità ed esperienza. Sarebbe davvero un bel colpo per il centrocampo giallorosso. Tra l’altro il prossimo 30 giugno andrà in scadenza contrattuale e, se non dovesse rinnovare con i portoghesi, sarebbe una grande tentazione anche per il mercato di gennaio. Purtroppo, però, non solo per la Roma.

Per il diciannovenne invece la situazione cambia notevolmente. Si tratta di un difensore centrale abile nel gioco aereo, nell’anticipo e nei contrasti ma che unisce a tutto questo anche un’ottima capacità di impostare l’azione. E vista la sua giovanissima età ci sono anche importanti margini di miglioramento. Inutile dire che sarebbe l’ideale per far coppia con Manolas. E’ Nato e cresciuto nell’Ajax. Ma soprattutto è sotto contratto con i lancieri. E trattare con gli olandesi non è mai facile. Se aggiungiamo che fisiologicamente hanno messo gli occhi su di lui i migliori club del mondo, è fin troppo scontato prevedere che partirà un’asta. Sembra un obiettivo davvero difficile da raggiungere per Monchi. Ma d’altronde lo era anche Kluivert. A proposito, anche lui è venuto dall’Ajax…

                                                                                                                                                                                                                                      Andrea Felici