RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma-Spal: la Roma vuole mettere la quarta, ma si ferma Schick

Roma –  Digiuno terminato. La sosta dedicata alle nazionali è ufficialmente alle spalle ed è tempo di rituffarci sulla serie A di calcio. La giornata numero 9 della massima divisione si aprirà allo stadio Olimpico alle ore 15 di questo pomeriggio. Di fronte la Roma di Eusebio Di Francesco e la Spal di Leonardo Semplici. I giallorossi vanno alla caccia del 4° successo consecutivo in campionato, dopo aver battuto in fila Frosinone, Lazio ed Empoli. I biancazzurri, dal canto loro, vogliono dimostrare che la prestazione offerta nell’ultimo impegno contro l’Inter non è stato un fuoco di paglia e, nonostante la sconfitta maturata, la squadra di Ferrara può tranquillamente raggiungere l’obiettivo salvezza al termine della stagione corrente.

Qui Roma

Eusebio Di Francesco alle prese con diverse defezioni di formazione. Numerosi i giocatori fermi in infermeria, i quali saranno costretti a saltare il match odierno. Kolarov, De Rossi, Perotti, Karsdorp e per ultimo Schick non sono stati nemmeno inseriti nella lista dei convocati.
Il tecnico abruzzese scenderà ancora una volta sul rettangolo di gioco con il 4-2-3-1, modulo che sembrerebbe aver ridato un po’ di linfa vitale ai suoi ragazzi. Tante, per gioco forza, le novità nell’11 di base. In difesa Luca Pellegrini disputerà la sua seconda gara dal 1° minuto, dopo aver fatto il suo esordio assoluto contro l’Empoli nell’ultimo match disputato. Sulla corsia opposta ballottaggio tra Florenzi e Santon, con quest’ultimo in leggero vantaggio. La coppia di centrali che definirà il quartetto dei difensori a protezione di Olsen sarà poi completato da Manolas e Fazio. I due dindanzi alla difesa saranno invece Nzonzi e Cristante, mentre i 3 trequrtisti vedranno Under a destra, Pellegrini consacrato definitivamente al centro ed El Shaarawy sulla corsia mancina. In avanti, dopo aver segnato 2 gol con la sua Bosnia in Nations League, ancora una volta Edin Dzeko

Roma: 4-2-3-1: Olsen; Santon-Manolas-Fazio-Lu. Pellegrini; Nzonzi-Cristante; Under-Lo. Pellegrini-El Shaarawy; Dzeko

Qui Spal

La Spal, acronimo di Società Polisportiva Ars et Labor, di Leonardo Semplici è tra le squadre rivelazione di questo avvio di campionato. Se non nei risultati, lo è sicuramente per le prestazioni sciorinate. Gli estensi sono reduci da 4 kO consecutivi, ma hanno comunque dimostrato di essere un gruppo affiatato e coeso, che vuole cercare la riconferma in serie A dopo aver meritato la salvezza nel corso della passata stagione.
Diversi problemi di formazione anche per il coach toscano. Semplici dovrà infatti far le spese con due assenze pesanti in difesa. Non prenderanno parte alla trasferta romana Felipe, costretto al forfait per squalifica e Djorou, fermato da un infortunio.
A protezione dell’estremo Gomis sarà verosimilmente Bonifazi ad affiancare Cionek e Vicari nel terzetto di difendenti. Il folto centrocampo a 5 non potrà contare nè sull’ex Viviani, nè su Kurtic, ma bensì vedrà Lazzari, dopo l’ottima prestazione maturata con l’Italia di Roberto Mancini, Missoroli, Schiattarella, Valoti e Fares. In attacco qualche acciacco per Petagna, che dovrebbe comunque essere destinato a spalleggiare bomber Paloschi, autore del pareggio momentaneo contro i nerazzurri due settimane or sono.

Spal 3-5-2: Gomis; Cionek-Bonifazi-Vicari; Lazzari-Missiroli-Schiattarella-Valoti-Fares; Petagna-Paloschi

Sono 16 gli scontri totali giocati tra le due compagini nella Capitale. Il computo parla di 9 successi giallorossi, l’ultimo risalente alla passata stagione (3-1), 6 pareggi e un successo ospite, datato addirittura 12 settembre 1965 (0-2).

Massimiliano Sciarra