RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: tutto in 22 giorni, il cammino giallorosso dopo la sosta

Benedetta sosta. O forse no. Difficile da dire se il secondo stop del campionato sia arrivato o meno al momento giusto. La Roma di Di Francesco, un paziente in via di convalescenza, ha chiuso l’ultimo mini ciclo con ben 4 vittorie all’attivo: il successo contro il Frosinone, cui ha seguito il trionfo sulla Lazio, alla quale ha fatto da eco il roboante 5-0 in Champions sul Viktoria Plzen, per finire con la sudata trasferta di Empoli terminata 0-2. Dai ciociari ai toscani la nota probabilmente più positiva è la quantità di gol sia realizzati, sia incassati. Partendo dalla difesa, se non fosse stato per l’errore grossolano di Fazio nella stracittadina, per altro ininfluente, sarebbe da registrare “zero” alla voce gol al passivo. Olsen ha di fatto iniziato a chiudere a doppia mandata la serratura della porta, dimostrando che in fondo non sarà Alisson, ma che poi tanto scarso non è. Discorso inverso per le reti all’attivo: 9 quelle messe a referto in campionato, 5 quelle in Europa, per un totale di 14 marcature in 360 minuti complessivi.

Il rientro dalla pausa dedicata alle dispute nazionali non sarà di quelli più soft. Sei partite in 22 giorni tracceranno il futuro a medio-breve termine dei Capitolini. Il sestetto di eventi si aprirà il 20 ottobre contro la Spal. Allo stadio Olimpico sopraggiungerà la squadra rivelazione di questo incipit di campionato, se non nei risultati quantomeno nel gioco espresso. Ancor più difficile la doppietta di trasferte successive, che vedranno De Rossi e compagni volare prima a Napoli, poi a Firenze. Sarà invece la Sampdoria l’ultimo impegno prima del terzo stop stagionale. In mezzo la Champions League: il CSKA di Mosca farà da spartiacque nel prosieguo internazionale dei giallorossi. Contro i moscoviti sarà quasi un dentro fuori, con due gare nel giro di due settimane. I russi occupano attualmente la prima piazza nel raggruppamento, dopo aver ottenuto un pareggio in rimonta contro il Plzen e battendo a sorpresa il Real Madrid per 1-0. Primo match in programma allo stadio Olimpico il 23 ottobre, ritorno fissato per il 7 novembre allo stadio Luzhniki.

Sei sfide, numerosi punti in palio, un destino da decifrare. Il prossimo blocco di impegni ci dirà con più precisione a quali  obiettivi potranno ambire Di Francesco e la sua Roma. Al campo l’ardua sentenza.

Massimiliano Sciarra