Quantcast

Le rubriche di RomaDailyNews - OPS - Opinioni politicamente scorrette - di Arrigo d'Armiento

Tanti ombrelli aperti, e ognuno diverso dagli altri

Più informazioni su

    Tanti ombrelli aperti, e ognuno diverso dagli altri –

    Piove, se ne sono accorti tutti, non rivelo niente di nuovo. C’entri o no il governo, oggi non mi interessa, perché ho da segnalare una cosa meravigliosa, di cui non mi ero mai accorto: il colore degli ombrelli.

    Mi sono affacciato alla finestra, non esco perché piove, e per la strada sotto casa ho notato passeggiare o andare a passo di carica un esercito di ombrelli. Non ce n’erano due uguali, con lo stesso colore, con gli stessi disegni. Suppongo che i più romantici e quelli più sbarazzini proteggessero donne e ragazze, anche se di questi tempi i maschietti non temono più il ridicolo di non farsi difendere da parapioggia neri.

    Volete sapere che cosa mi ha colpito? Sì, proprio il fatto che gli ombrelli non sono tutti uguali. Lo so, voi lo sapevate e non ve ne importava niente. Io, però, ripensando a quel che sta succedendo nel nostro povero paese, con le direttive europee sùbito adottate dalle autorità italiane e imposte dai mezzi di propaganda di massa, ho trovato motivo di conforto nel fatto che, almeno per il colore degli ombrelli, gli italiani continuano a decidere con la loro testa, col loro gusto.

    Bene, il pensiero unico almeno per gli ombrelli non ha vinto. C’è ancora speranza che gli italiani, disobbedienti naturali, riescano a risvegliarsi dal sonno imposto dal Ministero della Valeriana e dei Barbiturici, e tornino a disobbedire: ai preti, ai governanti, ai medici, alle mafie. E ricordino la lezione: disobbedire è il primo comandamento di chi ama la libertà.

    Arrigo d’Armiento

    Più informazioni su