RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Agli arresti domicialiari chiama una prostituta e chiede ad una sua amica il riscatto

Più informazioni su

Dagli arresti domiciliari alla custodia cautelare in carcere per lesioni personali e tentata rapina. L’ordinanza è stata notificata dai carabinieri della stazione di Roma Villa Bonelli nei confronti di un 36enne romano, disoccupato e già sottoposto al regime dei domiciliari, per i reati commessi nella notte del 19 giugno scorso. In quell’occasione l’uomo, raggiunto a casa da una giovane squillo colombiana, l’aveva prima rapinata minacciandola con un coltello e ferendola agli arti, e poi costretta a chiamare una conoscente chiedendo un riscatto di 500 euro per la sua liberazione. I carabinieri della stazione di Villa Bonelli, chiamati dall’amica, si sono immediatamente precipitati sul posto, riuscendo, nel corso dell’operazione, a liberare la malcapitata e a bloccare il tentativo del 36enne di autolesionarsi con un coltello da cucina. Sono stati accompagnati entrambi in ospedale per le medicazioni dove la donna è stata ricoverata per 6 giorni per trauma cranico minore e contusioni agli arti. L’uomo è stato immediatamente ricondotto, su disposizione dell’autorità giudiziaria, presso la propria abitazione finchè il Tribunale di Roma non ha accolto la richiesta di custodia cautelare in carcere dei militari, notificando l’ordinanza all’uomo, al momento ristretto nella casa circondariale di Rebibbia per altra causa

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.