RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Elezioni, “Aboliremo le buche per le strade”: anche un gommista di Roma in campo 

Più informazioni su

Elezioni, “Aboliremo le buche per le strade”: anche un gommista di Roma in campo

Al grido di “aboliremo buche per strada” un gommista di Roma ha deciso di ‘scendere in campo’ per le elezioni del prossimo 4 marzo, schierando tra i candidati anche i membri del suo staff. Cavalcando alcuni dei più noti problemi degli automobilisti e creando degli slogan ad hoc, ha deciso di proporsi al governo delle istituzioni: “Aboliremo le strade ghiacciate, le gomme bucate e i chiodi per strada” si legge sui santini elettorali, con tanto di foto in posa plastica e simbolo di partito.

gommista_democratico

gommista_democratico

“Ma ti candidi davvero?” e “ Io ti voto sicuro!” sono i commenti più frequenti degli utenti della della Fan Page su Facebook, che hanno immediatamente sposato la causa del gommista. A una prima occhiata, infatti, grafica e slogan fanno credere che le candidature siano vere: li differenzia, da chi punta ad ottenere realmente un seggio in Regione o in Parlamento, il fatto che tutti i ‘candidati’ siano dichiaratamente fake, seppur mascherati da verosimili.

Slogan surreali ma attendibili, per scimmiottare le promesse che stanno scandendo questa campagna elettorale, e simboli di partito ricreati ad arte e decisamente molto pop: su un tricolore svolazzante campeggia la scritta “Scorta Italia” con un richiamo alle ruote di scorta; su un altro simbolo, blu e giallo, appare la scritta “Cerchi in Lega”; anche il “Gommista Democratico”, con tanto di ramoscello d’ulivo, è uno dei ‘partiti’ in campagna elettorale contro gli acerrimi nemici del “MoVimento 5 Cerchi”.

La campagna social, promossa dall’agenzia Visibilia Comunicazione, ha messo subito in chiaro che “non è una campagna reale, ma nasce con lo scopo di analizzare il clima surreale che si viene a creare nel periodo antecedente al voto, senza voler denigrare, diffamare o schernire nessuno dei candidati e dei partiti reali che si presentano alle elezioni”.

Eppure non manca nulla che una campagna elettorale che si rispetti dovrebbe avere: c’è un ‘candidato’ per ogni ‘partito’, un logo (che riporta di fianco la consueta dicitura ‘barra il simbolo e scrivi…’) c’è un’operazione a tamburo battente sui social e ci sono anche loro, le immancabili promesse elettorali.

Più informazioni su