RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

La conferenza “Indagini extrasensoriali. Oltre la Medianità” sabato 3 febbraio a Roma

Più informazioni su

L’idea e la percezione dell’esistenza di un aldilà, ossia di un mondo ultraterreno a noi ordinariamente precluso e sconosciuto, è abbastanza diffusa quanto i tentativi di entrarvi in contatto attraverso semplici sperimentazioni o per doti naturali. Non è raro infatti sentir parlare di sedute spiritiche, magari tra compagni di scuola o tra amici, effettuate per semplice divertimento, per curiosità o per contattare un parente defunto. La leggerezza con la quale in molti si cimentano in queste esperienze è preoccupante poiché le conseguenze, non solo per il medium ma anche semplicemente per chi vi assiste, possono essere molto dannose per la salute psicofisica, come decine di libri e film di successo dimostrano in modo magistrale.

La comunicazione medianica è una pratica molto antica e ad essa si dedicavano Oracoli, Pizie e Sacerdoti, allenati a trarre auspici dall’Ade attraverso numerose tecniche che andavano dalla divinazione attraverso le ossa, all’interpretazione del volo degli uccelli o degli astri fino alle visioni indotte in stato di trance, ottenuta spesso con erbe e bevande dissocianti.

La figura del Profeta descritta nelle Sacre Scritture è un particolare tipo di medium che, senza bisogno di supporti, comunica non con semplici defunti, ma con Spiriti di alta perfezione: Angeli, Arcangeli e Maestri. In questo caso si può parlare di “Ultrafania”, parola composta da ultra (dal latino) = oltre e fanìa (dal greco) = luce, letteralmente “luce dell’aldilà”. Questo termine si applica a tutti i fenomeni autentici che esprimono la ricezione delle essenze intelligibili.

È possibile ancora oggi una comunicazione così elevata da potersi definire ultrafanica? Quali sono i rischi e le precauzioni, quali gli allenamenti per salvaguardare la salute psicofisica di chi si accinge a tale pratica?

Ne parleranno i ricercatori e sperimentatori Manuel Zolli e Giacomo Durante sabato 3 febbraio alle ore 17,00 presso la sala conferenze dell’Associazione Archeosofica – I sezione di Roma a Piazza Ungheria 6.

Roma, Sabato 3 Febbraio ore 17:00. Ingresso libero

Associazione Archeosofica Roma, Piazza Ungheria 6, int. 3.

Seguirà aperitivo. Ingresso libero.

Chi siamo: www.associazionearcheosoficaroma.it
Tel. 06.45.66.68.35
Facebook: https://www.facebook.com/associazionearcheosoficaroma/

Più informazioni su