Quantcast

LinkedIn e ricerca di un impiego: come usarlo in modo efficace

Più informazioni su

Linkedin è il network professionale online più diffuso al mondo.

Una comunità di oltre 400 milioni di utenti popola Linkedin per presentare il proprio profilo professionale e costruire così una rete di relazioni web che garantisca reputazione e successo nella propria attività.

Linkedin offre ai suoi utenti corporate la possibilità di pubblicare ricerche di personale, consentendo agli iscritti di proporsi per le posizioni postate. Chiunque sia iscritto a Linkedin può visualizzare le posizioni aperte, circoscrivere le proprie sfere di interesse e candidarsi.

La centralità del proprio profilo Linkedin

La presenza efficace nel social network professionale più diffuso al mondo, richiede una sintesi dei propri tratti essenziali e delle proprie competenze. Dalla qualità e dalla correttezza del proprio profilo dipenderà la visibilità e il seguito che si otterrà su Linkedin.

Includere elementi incoerenti nel profilo riduce la possibilità di costruire un network e trovare una collocazione più stimolante della attuale. Gestire correttamente il proprio profilo Linkedin è quindi un’attività delicata, il cui buon esito si rifletterà sulla effettiva possibilità di trasmettere messaggi positivi e di migliorare la propria soddisfazione professionale.

Linkedin e la ricerca di un impiego

Adecco spiega nel proprio sito come i recruiter e i candidati usino Linkedin sia come una vetrina che come un grande motore di ricerca, basato su visibilità, keywords e reputazione.

È molto probabile che anche se l’esistenza di un profilo Linkedin non viene citata nel curriculum appena trasmesso ad un headhunter, la prima azione che intraprenderà il selezionatore sarà confrontare il cv ricevuto con il profilo Linkedin del candidato.

Nel caso il recruiter incontri difficoltà di interpretazione, che magari esprimono eccessi del candidato su qualche skill, sarà probabile che il successo della candidatura si allontani. Linkedin, come tutti i social network si basa sulla fiducia e in caso di incrinature si perde consenso e reputazione.

Alcuni consigli su come trovare un impiego attraverso Linkedin

Il processo di ricerca di una nuova occupazione su Linkedin è molto delicato e merita ogni attenzione. Per aumentare le proprie probabilità di successo, il candidato deve procedere in modo strutturato e adottare preferibilmente alcuni dei seguenti accorgimenti di immediata praticità.

Aggiornamento del profilo Linkedin

Il profilo Linkedin è una via di mezzo tra una carta d’identità e un biglietto da visita.

L’importanza della qualità del profilo è quindi determinante.
Gli utenti sono liberi di esporre una propria foto o meno. Va da sé che farsi riconoscere online è sempre segno di trasparenza. Occorre tuttavia essere attenti a cosa può rappresentare l’immagine postata.

Linkedin è un network professionale e tende ad accogliere con freddezza le immagini vacanziere o i selfie lontani nel tempo. La foto identifica il modo in cui l’utente si propone in ambiente lavorativo e in questo senso sarà giudicata da chi la guarda.

Anche il contenuto deve sintetizzare chi è l’utente, di cosa è capace e quali sono i suoi stimoli.

Un curriculum non aggiornato, che non le identifica a dovere le esperienze più recenti, tenderà a non essere valutato.

Se si dispone di una ottima conoscenza delle lingue straniere e se si è impegnati ad accedere a contesti internazionali, sarà opportuno pubblicare versioni del proprio profilo e dei propri post in lingua inglese o in altre lingue di cui si abbia dimestichezza.

Keywords e Buzzwords nel profilo Linkedin e nei post

L’uso di keywords appropriate facilita l’ingaggio nei meccanismi di ricerca adottati dalla piattaforma e dai recruiter. Tuttavia, ostentare o eccedere non è mai produttivo. L’uso di termini abusati può scadere nel banale. Se l’utente vanta competenze blockchain nel profilo, dovrà poi dimostrarle nei post o sul campo.

Sviluppare il network Linkedin

La costruzione di una rete di rapporti professionali utili a rafforzare la propria posizione professionale è indubbiamente lo scopo ultimo dell’iscrizione a Linkedin.

Per farlo occorre essere credibili, saper identificare un target di relazioni da ingaggiare, e usare contenuti affidabili e interessanti per il proprio network.

Il networking si conferma il vettore principale di nuove opportunità professionali e Linkedin offre una piattaforma di utile supporto solo se utilizzata con criterio.

 

Più informazioni su