RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Network Marketing: di che si tratta

Più informazioni su

Dappertutto si sente sempre più spesso parlare di network marketing ma davvero in pochi conoscono esattamente in cosa esso consiste.

Spulciando tra le varie offerte di lavoro potrebbe capitare di trovare tantissime proposte che si basano proprio sul network marketing.

Ma spesso viene da chiedersi come funziona e soprattutto come è nata questa tipologia di attività e business che promette di guadagnare cospicue somme di denaro in poco tempo senza avere particolari skills se non quelle di vendita?

Le opinioni in giro sull’argomento sono molto controverse e non è facile trovare persone che ne parlano benissimo del Network Marketing ma naturalmente ci sono eccezioni che confermano la regola.

Vedremo insieme cosa davvero significa questo termine e cosa comporta intraprendere questa tipologia di lavoro, descritto a volte come una passeggiata.

La storia del Network Marketing

La nascita del Marketing multilevel o Network Marketing viene di solito attribuita all’ americano Carl Rehnborg fondatore nei primi decenni del ventesimo secolo di una delle prime aziende basate su questo sistema di business nel campo dell’alimentazione.

Nato negli USA e poi esportato in Europa, il Network Marketing è passato dal campo alimentare a quello casalingo con l’offerta di prodotti che può comprendere dagli aspirapolvere ai robot da cucina, fino ai prodotti per la casa ed i cosmetici.

Dalle vitamine ai cosmetici questa tipologia di lavoro ne ha fatta di strada e al giorno d’oggi esistono diverse realtà nel campo realmente affidabili.

Il meccanismo della piramide

Questo modello di business è basato soprattutto sul passaparola dei clienti e l’azione di vendita avviene quasi sempre de visu. Il meccanismo di vendita dalla piramide in giù procede consolidandosi su due binari paralleli che da un lato comportano la vendita e la dimostrazione dei prodotti ai potenziali clienti, dall’altro il procacciamento di nuovi venditori per portare nuove vendite e nuovi venditori a loro volta.

Questo meccanismo in genere viene rivolto a tutte quelle persone o che sono in cerca di un nuovo lavoro o che vogliono dedicare una quota di tempo della loro giornata ad un lavoro che dovrebbe permettergli di guadagnare secondo le promesse discrete somme di denaro.

Si crea in questo modo come anticipato, una tipologia di marketing anche detto di forma piramidale in cui chi è al vertice della piramide guadagna dalle sue vendite ma anche da quelle dei suoi sottoposti e così via.

Da questo punto di vista è un lavoro di squadra in cui c’è molto interesse nel fatturato dei sottoposti perché come spiegato in precedenza non solo chi è al gradino più alto della piramide guadagna di più ma di solito ha accesso a benefit aziendali quali macchina di servizio, forniture di prodotto gratis ed etc.

L’importante quindi non è solo vendere ma acquisire nuove forze vendita, che a loro volta dovranno darsi da fare per acquisire altre forze vendita e cosi via.

Di solito per chi sceglie questa tipologia di lavoro non è richiesto un impiego del tempo a disposizione full time ma anzi a volte si specifica che può essere svolto anche come secondo lavoro, per dovere di cronaca va anche detto che come in ogni lavoro di vendita più tempo ci si dedica allo stesso più aumentano i guadagni.

Alcune aziende invece possono richiedere ai vari lavoratori di acquistare un pacchetto di prodotti per l’accesso al network, di solito i costi i questi kit possono variare dai cento fino ad arrivare alla migliaia di euro; i kit consistono in sample di prodotti da mostrare ai clienti oppure da provare su se stessi per dimostrare l’efficacia dei prodotti (soprattutto nel campo dell’alimentare e dei prodotti sostitutivi del pranzo).

L’affidabilità del network marketing, crederci o no?

La questione dell’affidabilità è uno degli aspetti più confusionari riguardo il network marketing, poiché negli anni si è assistito ad una carrellata di aziende che promettevano la luna ma in realtà sono anche state indagate poiché accusate di sfruttamento dei sottoposti stessi, le accuse maggiori sono arrivate dalle associazioni di consumatori e soprattutto negli Stati Uniti d’America.

In Italia il sistema legislativo prevede norme specifiche studiate ad hoc volte ad evitare le strutture piramidali, come specifica l’articolo n. 5 della Legge 173 agosto 2005 che con la “Disciplina della vendita diretta a domicilio e tutela del consumatore dalle forme di vendita piramidali” e rende illegali tutte quelle tipologie di organizzazioni che “configurano la possibilità di guadagno attraverso il puro e semplice reclutamento di altre persone.

Che cosa fare allora? Ci si può fidare di queste aziende?

Esistono certamente aziende realmente affidabili nel campo del Network Marketing e che danno anche un certo trust alle persone che vi lavorano come benefit ed elevati compensi e sono anche le più conosciute a livello mondiale nei loro campi, naturalmente per chi sceglie di intraprendere questo percorso è importante informarsi sulle reali potenzialità che possono derivare da questo tipo di lavoro e cercare di capire l’affidabilità dell’azienda.

Cercare di informarsi tramite internet oppure a persone che ci sono già dentro o che ci sono state può fornire già un quadro abbastanza chiaro e preciso di quella che può essere la realtà lavorativa effettiva all’interno del network e se ci sono reali possibilità di guadagno.

Il consiglio che si può dare è quello di procedere con le dovute cautele nel momento in cui ci si trova di fronte ad una proposta di questo genere e prima di spendere soldi per eventuali kit di entrata, bisogna riflettere a lungo e informarsi bene su un rapporto costo e beneficio del far parte del network.

Le domande che tutti dovrebbero porsi prima di iniziare a lavorare in questo business sono:

  • Chiedersi da quanto tempo è sul mercato l’azienda
  • Se è affermata nel campo del network marketing oppure se è leader di riferimento del suo mercato
  • Se sono previsti incentivi nella formazione e se sono previsti periodi di affiancamento oppure si inizia direttamente
  • Quali sono e come verranno ottenuti i profitti
  • Quali sono le aziende che lavorano in Italia in questo settore?

Le più famose aziende in questo business

Chi non ha mai sentito parlare di Avon?

Azienda cosmetica che opera a livello globale e molto attiva in Italia anche grazie a campagne sociali a tutela della donna, ecco Avon è un’azienda che lavora grazie al sistema di network da ormai quasi 130 anni, secondo la rivista americana del settore Direct Selling News si colloca al secondo posto come fatturato tra le aziende che ricorrono al network marketing, in classifica si trovano anche il colosso mondiale della vendita di prodotti dietetici Herbalife, la celebre Worwerk produttrice della scopa elettrica più usata in Italia la Folletto e del robot da cucina Bimby così come un’ altra azienda molto famosa anche in Italia è la Tupperware.

Il network marketing non è quindi il male, bisogna però affidarsi ad aziende serie.

 

Più informazioni su