RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Pensiero del giorno – La Paura Bambina

Più informazioni su

Secondo Italo Calvino: ‘L’uomo porta dentro di sé le sue paure bambine per tutta la vita. Arrivare a non avere più paura, questa è la meta ultima dell’uomo’.

Come dice il grande scrittore, nasciamo con il sentimento della paura. Forse ne assorbiamo la vibrazione appena planati su questa Terra.

La paura fa parte della nostra quotidianità come la gioia, l’amore e la gratitudine. A differenza di queste, è un sentimento deleterio perché blocca il nostro più alto sentire.

Abbiamo timore di farci male fisicamente, di incontrare persone negative, di non riuscire a realizzare i nostri sogni.

Quando ci accorgiamo di essere limitati nella nostra espressione del sé, tentiamo di superarla ma è molto difficile farlo.

Calvino parla di ‘paura bambina’. Talmente radicata in noi da aver bisogno dell’intera vita per poterla superare e non avere più paura rappresenterebbe la meta ultima dell’uomo. Il modo migliore per realizzare questo progetto è divenire uomini di grande saggezza.

Soltanto la fiducia in sé, nel futuro e nella nostra buona stella può indurci a ignorare la paura che blocca ogni sviluppo armonico della personalità.

La Legge di Attrazione, una delle leggi fondamentali dell’universo, afferma che noi uomini siamo come magneti, attiriamo ciò che desideriamo e anche ciò che ci fa paura. A maggior ragione, attiriamo ciò che ci fa paura.

Forse questa consapevolezza può fungere da stimolo per non soggiacere più alla gamma delle nostre apprensioni e delle nostre incertezze.

Avere uno sguardo libero da pregiudizi, amare la vita, affidarsi a Qualcuno più in alto di noi ovvero alla divinità che è in noi, può rappresentare la chiave di volta per l’autoguarigione.

Maria Rosaria Fortini

 

Più informazioni su