RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Pensiero del giorno – Mente Globale o Planetaria

Più informazioni su

Carl Gustav Jung ci dice: ‘Come oltre l’individuo esiste una società, così oltre la nostra psiche personale esiste una psiche collettiva’.

Ciò è stato dimostrato scientificamente attraverso esperimenti compiuti alla Princeton University dal Team del dottor Richard Nelson nell’ambito del ‘Progetto Coscienza Globale’.

Il dottor Nelson e i suoi collaboratori hanno continuato il lavoro iniziato dal professor Robert  Jahn negli anni ’70. Egli volle studiare le facoltà straordinarie della mente umana.

A tale scopo, Jahn utilizzò un Generatore di Numeri Casuali il quale produceva sequenze casuali in codice binario (zeri e uno). Chiese a dei volontari di alterarne i risultati concentrandosi nel generare più zeri che uno. Insomma, un esperimento paranormale e l’esperimento riuscì.

Nelson volle appurare se questi eventi di potere della mente sulla materia, si sarebbero verificati ugualmente utilizzando gruppi di persone invece che individui. Il risultato fu positivo.

In seguito, si servì di Internet per cercare di ottenere gli stessi esiti piazzando i generatori in tutto il mondo.

La ricerca ebbe una svolta inaspettata e incredibile il 6 settembre del 1997 quando i grafici mostrarono delle anomalie. In quel giorno si stava svolgendo il funerale di Lady Diana.

Le stesse anomalie si verificarono prima e durante l’attentato alle Torri Gemelle, durante gli attentati terroristici dell’11 marzo 2004 a Madrid e in molti altri casi straordinari.

Dunque, in concomitanza di eventi globali significativi, i dispositivi generavano un numero enorme di risultati.

In conclusione, si può affermare che gli esperimenti compiuti tra il 1998 e il 2013 dal Team di Princeton guidato dal dottor Roger Nelson dimostrino in maniera innegabile che gli esseri umani sono globalmente interconnessi tra loro e che le loro percezioni collettive sono in grado di deviare nientemeno che le risposte dei computer.

Maria Rosaria Fortini

 

Più informazioni su