Quantcast

Pensiero del giorno – Sacro e Profano

Più informazioni su

    Quale sara’ la differenza tra il concetto di “sacro”e quello di “profano”?

    Intuitivamente, sacro e’ tutto cio’ che attiene allo spirito, alla divinita’; profano, tutto cio’ che riguarda la vita ordinaria.

    Saro’ diversa quindi quando vado dal fornaio a comprare il pane o quando mi appresto ad entrare in una chiesa per pregare?

    La morale comune dice che e’ cosi’, ma non tiene conto della completezza dell’essere e dell’esistenza.

    Secondo i diversi momenti del mio agire, prendera’ il sopravvento una delle componenti dell’essere, che sia il corpo, la mente o lo spirito.

    Quindi, quando mi raccolgo in preghiera, emergera’ la parte piu’ eterea e piu’ profonda di me, quando vado dal fornaio, prevarra’ la parte piu’ razionale.

    La caratteristica dei tanti momenti, dei diversi stati d’animo e azioni concrete, e’ l’unita’.

    Siamo abituati a tenere separati i vari aspetti del nostro se’, a fare una distinzione tra sacro e profano.

    Ma non c’e’ alcuna separazione, ne’ nei vari aspetti che formano il mio essere ne’ nell’interazione gli uni con gli altri.

    Questo perche’ esistiamo su varie frequenze e su diverse vibrazioni.

    La parte sacra non e’ migliore di quella che compie azioni ordinarie e non deve esistere giudizio tra le due parti.

    L’una non e’ piu’ importante o migliore dell’altra.

    Che cosa ne possiamo dedurre?

    Che l’armonia e’ la grande pacificatrice.

    L’armonia che risiede oltre il giudizio tra bene e male, oltre i conflitti  che mi allontanano da me stessa e dal mio prossimo, oltre il concetto di spazio e  di tempo.

    Sacro e profano non esistono, si armonizzano in un’unica visione, che e’ l’essere umano in armonia con se stesso e con il mondo.

    Maria Rosaria Fortini

    Più informazioni su