RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Studio SPERI al MIPIM 2018 di Cannes

Più informazioni su

Studio SPERI al MIPIM di Cannes, per rilanciare la sostenibilità in città.

Studio SPERI, società romana di architettura e ingegneria con oltre 40 anni di attività all’attivo e che vanta commesse per la realizzazione di importanti edifici pubblici, ospedali, hotel, resort, opere di ingegneria marittima e grandi infrastrutture, parteciperà al MIPIM 2018.  Una convention alla sua 29ª edizione, che quest’anno verte sul tema della sostenibilità.

Il MIPIM di Cannes, la maggiore fiera internazionale del real estate che aprirà i battenti al Palais des Festivals martedì 13 marzo per terminare quattro giorni più tardi il 16 marzo, si propone di analizzare come saranno, soprattutto sotto il profilo “green”, le città nel 2030.

L’evento leader a livello europeo del mercato immobiliare riunisce i protagonisti internazionali più influenti di molti settori (hotel, uffici, residenziale, retail, sanità, sport, logistica e industriale) per  dare vita a una quattro giorni di conferenze, transazioni e momenti di networking.

Presso lo stand R8.B10, Francesco Lupoi, direttore di L4, area di Studio SPERI dedicata a resort e hotel , avrà modo di presentare le proprie soluzioni integrate per edifici smart, sicuri e sostenibili, ai diversi developers del mercato real estate, dare impulso alla crescita promuovendo le sue attività di business, incontrando ospiti e organizzando meeting.

Il MIPIM di Cannes rappresenta una vetrina di grandissima importanza a livello globale per i player del settore. Per il quarto anno consecutivo il nostro Paese si è organizzato con un Padiglione italiano, sotto la regia di Ice – l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane che, su impulso del ministero dello Sviluppo Economico, promuove e organizza il Padiglione Italia in sinergia con i ministeri della Difesa e dell’Economia e delle Finanze – e di ANCE (Associazione nazionale dei costruttori edili).

L’espansione delle zone urbane sta disegnando una nuova cartografia mondiale, contribuendo a riposizionare l’impronta delle città che nel prossimo futuro, assumeranno un ruolo economico di rilievo. Quale impatto avrà questa trasformazione sulle strategie dell’industria immobiliare?

Per rispondere a questo e altri interrogativi,  al centro delle sessioni di conferenze (ben 115) – che cercheranno di tracciare l’identità dei nuovi modelli urbani da oggi al 2030 – ci sarà il tema “Mapping world urbanity”, letteralmente mappare l’urbanizzazione mondiale.

L’Italia è tra i maggiori protagonisti con 831 delegati già iscritti, incluse le presenze last minute e oltre 400 società. Tra queste Studio SPERI, all’interno del Padiglione Italia con l’ANCE (Associazione nazionale dei costruttori edili) partecipa sotto l’egida del Ministero di Economia e Finanza e della Difesa, con l’obiettivo di presentare una panoramica dei maggiori asset di real estate nonché l’eccellenza degli studi di consulenza architettonica e ingegneristica.

Più informazioni su