RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Per 41° anniversario sequestro Aldo Moro, la nuova edizione di Bi. Erre. – I Fondatori

Più informazioni su

Il 16 marzo 1978, poco dopo le 9, in via Mario Fani l’auto sulla quale viaggiavano il presidente della Democrazia cristiana, Aldo Moro, e due militari addetti alla sua tutela fu bloccata da un commando delle Brigate Rosse.

A 41 anni dal sequestro, Paesi Edizioni lancia la nuova edizione del romanzo storico ‘Bi. Erre. I Fondatori’, un viaggio nel passato per riscoprire le fasi iniziali del terrorismo rosso.

L’autore Gianremo Armeni, tra i massimi conoscitori della storia del Partito Armato, ripercorrere tutte le tappe che hanno portato alla nascita e allo sviluppo delle Brigate Rosse, fino alla parabola finale.

‘Bi. Erre. I Fondatori racconta di ragazzi, poco più che ventenni, abbagliati dal sogno rivoluzionario. Un gruppo di giovani conosciuto in seguito come nucleo storico delle Brigate Rosse. Partiti da zero, i fondatori si ritrovarono armi in pugno e studiarono i manuali sulla guerriglia. Impararono a falsificare documenti, a rubare macchine, a contraffarne targhe, a fare rapine, a usare armi e a nascondersi in mezzo alla gente. Sparirono dalla circolazione e crearono quella che sarebbe diventata l’organizzazione terroristica più pericolosa che abbia mai operato nel nostro Paese, quella che negli anni Settanta mise sottosopra l’Italia, arrivando a colpire il cuore dello Stato con l’assassinio di uno dei massimi leader politici, Aldo Moro, davanti agli occhi di uno Stato impreparato ad affrontarli.

Con una narrazione avvincente e uno stile incalzante, l’autore ripercorre tutte le tappe delle fasi più drammatiche per il nostro Paese, in cui si fronteggiarono lo Stato e l’antistato, i brigatisti e gli uomini che gli diedero la caccia. Primo e unico romanzo sulla storia delle Brigate Rosse e degli uomini che le sconfissero. Una trilogia da leggere d’un fiato, Bi. Erre. – I Fondatori è il fortunato esordio. «Furono anni in cui tutti ruggirono. Poi qualcuno inseguì la follia. Poi ci furono tanti morti, di mattina e di sera».

Per maggiori informazioni: paesiedizioni.it

Più informazioni su