RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Al ‘Gemelli’ chirurgia e psichiatria per aiutare pazienti obesi

Più informazioni su

scena tratta dal film 'Babbo bastardo'

«Fattori genetici e problematiche di natura psicologica e sociale giocano ruoli importanti nell’insorgenza e nel mantenimento dell’obesità, una vera e propria patologia a eziologia multifattoriale, che ha gravi conseguenze per la salute. Ogni anno, nel nostro Paese, circa 50.000 decessi vengono attribuiti all’obesità, i cui tassi si mostrano in preoccupante aumento soprattutto tra bambini e adolescenti». Lo rende noto l’Università Cattolica di Roma. «L’obesità – prosegue – è uno dei principali fattori di rischio per la salute perché porta complicanze all’apparato cardiovascolare e muscolo-scheletrico oltre a problemi come malattie croniche quali il diabete, l’ipertensione, il cancro e le malattie del fegato. Nei casi di obesità grave, quando l’indice di massa corporea supera il valore di 40, e cioè in soggetti che necessitano di perdere peso a causa di una compromissione estrema di funzionalità organiche, sociali e personali, la chirurgia risulta l’opzione più indicata, potendo permettere di ridurre il soprappeso del 40-60%. Ma in non pochi casi i risultati derivanti da questi interventi possono essere inficiati da problematiche di tipo psicologico dei pazienti, compromettendone l’esito». «Un inserimento armonico ed equilibrato della chirurgia bariatrica nella storia clinica ed esistenziale del paziente è un elemento fondamentale per Il successo a breve e lungo termine di questo tipo di chirurgia, che si basa, infatti, sulla presenza di adeguate competenze cognitive e soprattutto emozionali», spiega il dottor Lucio Rinaldi, responsabile dell’Area per i Disturbi del comportamento alimentare presso il Day Hospital di Psichiatria Clinica del Policlinico Gemelli. «È per questo motivo che al Gemelli è nata una originale collaborazione tra i chirurghi bariatrici e gli psichiatri. A un anno dall’attivazione del nuovo servizio di consulenza presso l’Ambulatorio di Chirurgia dell’obesità del Dipartimento di Scienze chirurgiche del Policlinico della Cattolica, responsabile il dr. Roberto Tacchino, si traccia un primo bilancio dell’attività».

Più informazioni su