RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

AUTO: INDAGINE SICUREZZA BAMBINI, A ROMA MENO DELLA META’ DEI GENITORI UTILIZZA SEGGIOLINO

Più informazioni su

Problemi di traffico, strade affollate e parcheggi in doppia fila fanno di Roma una delle città più caotiche d’Italia, dove spesso la puntualità e la sicurezza mal si conciliano con la prudenza. Lo rivela un’indagine osservativa sui comportamenti dei genitori in diverse città italiane (Roma, Milano, Napoli, Bologna, Torino, Palermo, Mestre), realizzata per il 4° anno da Quintegia nell’ambito di “BimbiSicuramente”, la campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza dei bambini in auto.
In particolare, secondo lo studio realizzato con la collaborazione di SicurAUTO.it, a Roma, tra gli uomini e le donne che utilizzano il seggiolino per accompagnare i propri figli a scuola, la percentuale non raggiunge neanche il 50% (47% degli uomini contro il 48% delle donne). Nel complesso meno della metà dei genitori (48%) utilizza il seggiolino nella propria autovettura. Sono risultati allarmanti, seppur migliori rispetto al 2010, quando la percentuale si attestava al 41%.
E nella Capitale la sicurezza dei figli in auto non sempre ha la priorità rispetto a quella dei genitori: il 14% di mamme e papà che indossano la cintura non trasportano ancora il proprio bambino dentro il seggiolino. Un atteggiamento pericoloso se si considera che nella Capitale – solo nel 2010 – si è registrata la più alta percentuale di incidenti (8,7%) in Italia, con una mortalità che si aggira intorno al 4,5%. Inoltre la scarsa attenzione che i genitori dedicano alla messa in sicurezza dei propri figli in auto rende questi ultimi le vittime più a rischio.
Obiettivo della campagna BimbiSicuramente (disponibile online su www.bimbisicuramente.it) è quello di correggere quei comportamenti errati che rappresentano una minaccia per i più piccoli, soprattutto se si considera che i passeggeri di età compresa tra 0 e 9 anni occupano una posizione non trascurabile nel panorama delle vittime di incidenti stradali, come dimostrano i dati Istat del 2010 (5.225 bambini coinvolti). E anche se nel 2010 si riscontra in Italia una leggera diminuzione rispetto al 2009 del numero degli incidenti (-1,9%), dei feriti (-1,5%) e un calo più consistente del numero dei morti (-3,5%), le autovetture rimangono la categoria maggiormente interessata dagli incidenti stradali (67,8% dei veicoli). Basti pensare che solo nella città di Roma lo scorso anno si sono verificati 18.496 incidenti con 22.375 auto coinvolte.

L’indagine osservativa BimbiSicuramente – condotta su un campione di quasi 900 automobilisti – è un’iniziativa di Quintegia, società trevigiana leader in Italia nei settori ricerca e formazione per l’automotive, in collaborazione con SicurAUTO.it, il portale dedicato alla sicurezza e ai diritti degli automobilisti. BimbiSicuramente rappresenta da quattro anni la più grande campagna italiana di sensibilizzazione sulla sicurezza dei bambini in auto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.