Campagna del ministero della Salute contro l’abbandono degli animali: ‘Chi abbandona un cane lo condanna’

Più informazioni su

    ‘Chi abbandona un cane lo condanna’. ‘Abbandonare un cane è un gesto di inciviltà e un reato’. Questi i messaggi che lancia la campagna di sensibilizzazione 2011 del ministero della Salute contro l’abbandono degli animali, presentata oggi a Roma dal sottosegretario alla Salute Francesca Martini nella sede di lungotevere Ripa. «Quella dell’abbandono dei cani – ha detto Martini – oltre a essere un’ignobile piaga, è anche un reato penale, che avviene spesso quando si adotta un animale senza avere la cognizione delle sue esigenze, oppure si sceglie di fare cucciolate senza sapere cosa può comportare. Il ministero della Salute lavora affinchè si comprenda che abbandonare un cane significa condannarlo a morte per fame, sete o per investimento. Vogliamo arrivare al cuore ma soprattutto alla mente delle persone e devo dire che in questi ultimi anni la sensibilità è aumentata». «Vorrei dedicare questa campagna – ha concluso il sottosegretario – alla memoria dell’entomologo Giorgio Celli, che ci ha lasciati pochi giorni fa e con cui ho sempre collaborato fattivamente. Apprezzava le iniziative del ministero in materia di salute animale, in particolare quella del patentino per i proprietari di cani, che considerava una delle principali intuizioni degli ultimi tempi in materia».

    Più informazioni su