RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

‘Centro nutrizione’ nella capitale per capire da vicino problema della fame nel mondo

Più informazioni su

Un ‘Centro nutrizione’ nella capitale per capire da vicino cosa significhi il problema della fame nel mondo. L’iniziativa è di Medici Senza Frontiere (MSF) che, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione che ci celebra domenica 16 ottobre, porta a Roma il progetto «Un Centro nutrizione in città: quando il cibo non basta» (dal 10 al 17 ottobre) e organizza un dibattito al Senato sul tema della malnutrizione dal titolo «Fame di denuncia: perch‚ il cibo non basta». Nel cuore di Roma, in Piazza Vittorio Emanuele II (Giardini Nicola Calipari), MSF allestisce dunque dal 10 al 17 ottobre un vero e proprio Centro nutrizione, simile a quelli che MSF utilizza nei contesti, più estremi, in cui opera. Con il progetto ‘Un Centro nutrizione in città’, l’organizzazione, che quest’anno compie 40 anni di vita, punta a sensibilizzare l’opinione pubblica – a cominciare dagli studenti – sulla malnutrizione e sulle nuove strategie di cura per combattere un male che ogni anno colpisce 195 milioni di bambini. La struttura di 90 metri quadrati permette ai visitatori, guidati dagli operatori umanitari di MSF, di «vedere da vicino» che cosa significa oggi la malnutrizione infantile e quali sono le soluzioni messe in campo per curarla, attraverso un percorso multimediale con alcuni documentari video e fotografici e un percorso che illustra le fasi di un intervento in contesti di emergenza nutrizionale. «Crediamo che il nostro Centro nutrizione – afferma Kostas Moschochoritis, direttore generale di MSF Italia – sia un’occasione unica per poter avvicinare i cittadini a un problema così grave e attuale, come mostra l’emergenza nutrizionale in corso in Somalia. Il nostro obiettivo, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, è quello di sensibilizzare la popolazione in un modo diverso, che va oltre gli abituali strumenti utilizzati. Per non restare spettatori passivi». Oggi, è il messaggio lanciato dal direttore Msf Italia, «la malnutrizione può essere sconfitta con l’utilizzo massiccio dei nuovi cibi terapeutici pronti all’uso. Il tempo di agire è ora».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.