RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Coco Chanel spia nazista, nuova biografia

Più informazioni su

Coco Chanel era una spia nazista durante la Seconda Guerra mondiale, secondo il libro ‘Sleeping with the enemy, Coco Chanel’s secret war’ del giornalista americano Hal Vaughan che esce oggi negli Usa. Per la nuova biografia sulla celebre stilista che ha sempre negato ogni accusa di collaborazionismo, l’autore ha spiegato di aver consultato numerosi archivi francesi, inglesi, tedeschi e americani. Stando al volume, nel 1940 quando aveva 57 anni, Coco Chanel venne reclutata dall’Abwehr, i servizi segreti dello stato maggiore tedesco, diventando l’agente F-7124, nome in codice ‘Westminster’ da quello del suo ex amante e amico, il duca di Westminster. Per l’Abwehr, Coco Chanel andò in missione in Spagna nell’agosto del 1941, in compagnia di un altro agente, il barone Louis de Vaufreland, con l’incarico di reclutare nuovi agenti. In cambio, scrive l’autore, la stilista sperava di ottenere la libertà per un suo nipote, Andrè, rinchiuso in un campo tedesco. Risale ad allora l’inizio della sua lunga relazione con l’ufficiale tedesco e agente nazista, il barone Hans Gunther von Dincklage, detto ‘Spatz’.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.