RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Danni da fumo, sigarette 5 volte più dannose per le donne

Più informazioni su

Una sigaretta fumata da lei è velenosa quanto 5 bruciate da lui. In altre parole, per procurarsi gli stessi danni di un uomo che fuma un pacchetto da 20 al giorno, alla donna bastano 4 sigarette. La ‘bionda’ è sessista e la nuova dimostrazione arriva da uno studio italiano presentato al congresso della Società europea di cardiologia (Esc), in corso a Parigi. La ricerca – sostenuta dall’Ue e coordinata da Elena Tremoli, docente di Farmacologia all’università degli Studi di Milano e direttore scientifico del Centro cardiologico Monzino del capoluogo lombardo – rafforza il dato secondo cui i fattori di rischio cardiovascolari non pesano allo stesso modo su uomini e donne. Anche l’effetto istruzione, ossia la protezione associata all’aver studiato di più, vale per lui, ma non per lei. Sostenuto da fondi Ue, lo studio ha coinvolto circa 4 mila uomini e donne (1.694 e 1.893 rispettivamente) tra Italia, Finlandia, Francia, Paesi Bassi e Svezia. Utilizzando tecnologie a ultrasuoni gli autori sono andati a valutare le condizioni delle carotidi, le arterie che irrorano il cuore. L’esposizione complessiva di tabacco nel corso della vita era associata per tutti alla comparsa di alterazioni vascolari ‘spia’ di aterosclerosi, però con un impatto doppio nelle donne rispetto agli uomini. Allo stesso modo, il numero di sigarette fumate al giorno incideva sulla progressione della malattia femminile almeno 5 volte più che sulla ‘marcia ateroscleroticà dei maschi. Nemmeno l’essere più colta, quindi presumibilmente di un livello sociale superiore, proteggeva il cuore delle fumatrici. L’unico vantaggio sugli uomini è risultato la minore vulnerabilità all’infiammazione. Ma alla lunga, fumando le donne perdono anche quello. «Tutti sappiamo che le donne in età fertile sono protette per natura dalle malattie cardiovascolari – spiega Tremoli – Questo, però, ha abbassato l’attenzione al cuore delle donne da parte di operatori sanitari e ricercatori. E le stesse donne tendono a illudersi di essere meno vulnerabili a fattori di rischio come il colesterolo alto, una dieta ricca di grassi e il fumo di sigaretta. Purtroppo gli studi dimostrano che non è così».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.