RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Denti del giudizio potrebbero estinguersi

Più informazioni su

Nella vita sono gli ultimi a spuntare. Ma a volte restano nascosti nella gengiva, in altri casi non si formano nemmeno e un giorno potrebbero addirittura estinguersi. A ipotizzare il destino dei denti del giudizio, sempre più spesso ‘missing’ anche in bocche ormai adulte, è il presidente della Società italiana di ortodonzia (Sido), Claudio Chimenti. L’esperto prevede per la specie umana un futuro a 28 denti, invece che a 32. Non sarà certo domani, spiega all’Adnkronos Salute, ma «nei prossimi secoli – o forse anche prima, considerando che sui tempi dell’evoluzione non si possono mai fare previsioni certe – l’addio ai denti del giudizio è decisamente probabile». Ma perchè i 4 molari più tardivi ‘latitano’ in numero sempre maggiore di persone? «Dipende dall’alimentazione moderna», risponde Chimenti, oggi a Milano a margine del lancio del Mese della salute orale 2011, promosso a marzo da Sido e Colgate. «L’uomo è nato per masticare – precisa il numero uno degli ortodontisti – ma mentre i nostri avi seguivano una dieta ricca per esempio di carne cruda, e in generale di alimenti più duri» e quindi utili ad ‘allenarè l’apparato dentale nel suo complesso, oggi mettiamo nel piatto «cibi molto cotti e sempre più molli». Una cattiva ‘palestrà per denti e gengive. Risultato: rispetto a un centinaio di anni fa, «i casi di malocclusione registrati nei bambini sono leggermente aumentati – segnala Chimenti – proprio perchè i nuovi alimenti aiutano meno lo sviluppo delle strutture ossee della bocca». Inoltre, aggiunge il presidente della Sido, «osserviamo sempre più di frequente cambiamenti nella formazione dei denti dei giudizio». Un tempo simbolo del passaggio alla ‘saggezzà della vita adulta, nell’era del fast food stentano a presentarsi all’appello e si avviano a scomparire. ‘Snobbatì non a caso anche dagli addetti ai lavori: «Nella valutazione del corretto allineamento – conclude infatti lo specialista – in genere si considera l’arcata dentale a 28, non quella a 32».

Più informazioni su