RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Gambero Rosso e Arsial alla Città del gusto di Roma in una giornata dedicata agli oli extravergine d’oliva del Lazi

Più informazioni su

Venerdì 23 marzo 2012, Arsial, in collaborazione con Gambero Rosso, chiama i produttori di olio extravergine di oliva del Lazio alla Città del gusto di Roma per un evento che ha come intento quello di rendere sempre più vicino l’olio extravergine di oliva alla quotidianità, per renderlo un ingrediente stimolante e divertente, salutare e goloso e farlo riscoprire nella sua fondamentale importanza culturale e salutistica.
Alla presenza di produttori, consumatori, istituzioni e chef, un’intera giornata dedicata agli oli extravergine del Lazio con la presenza attiva anche di Uliveti del Lazio, associazione tra produttori che punta proprio a diffondere la cultura dell’olio extravergine di qualità soprattutto nel rapporto con i cuochi e i ristoratori, alfieri primi dell’extravergine verso i consumatori e Unaprol, il consorzio Olivicolo Italiano da sempre portavoce della qualità e della provenienza territoriale delle olive.

“L’olio extravergine di oliva italiano e di alcune aree del Lazio in particolare”, ha sottolineato Paolo Cuccia, presidente del Gambero Rosso, “ha una qualità elevata riconosciuta in tutto il mondo. Il Gambero Rosso ha sempre seguito con attenzione questa importate realtà legata al territorio e diventata simbolo della migliore cultura enogastronomica del nostro Paese. E’ per questo che abbiamo accettato con grande entusiasmo l’idea di organizzare, presso la Città del gusto di Roma in collaborazione con Arsial, un incontro che coinvolge istituzioni, produttori, consumatori e chef in una giornata dedicata alla valorizzazione dell’olio extravergine di oliva del Lazio.”

“L’extravergine del Lazio merita di più, e il nostro obiettivo principale è quello di rilanciare un consumo di qualità”, ha dichiarato il presidente dell’Arsial, Erder Mazzocchi. “Nonostante i numerosi premi conquistati, infatti, il nostro olio fatica ancora ad ottenere la giusta risposta da parte del mercato. Per questo”, ha aggiunto, “è necessario creare le condizioni per riuscire a vendere i prodotti a prezzi adeguati, costruendo un’immagine del territorio in grado di valorizzarli al meglio e di conquistare i consumatori con la garanzia della qualità. Il nostro contributo inizia quindi con la promozione e la giornata di oggi è il giusto coronamento ad un mese interamente dedicato all’oro verde del Lazio”.
“Non c’è crisi di mercato ma c’è crisi di prezzo”, ha sottolineato Massimo Gargano, presidente di Coldiretti Lazio, “nonostante ciò gli oli extravergine di oliva di alta qualità del Lazio fanno da apripista in Europa per l’eccellenza e per il legame forte con il territorio. La proposta di legge presentata da Coldiretti, Unaprol e fondazione Symbola”, ha aggiunto, “punta ad inasprire le pene contro i contraffattori e a stabilire un rapporto più corretto e trasparente con i consumatori di tutto il mondo”.

“Uliveti del Lazio racconta la storia dell’eccellenza delle produzioni olivicole ed olearie della regione e rappresenta il tessuto connettivo dell’alta qualità certificata della filiera olivicola italiana”, ha concluso la presidente di Uliveti del Lazio, Loriana Abbruzzetti, evidenziando il clima di fattiva collaborazione con Arsial e la Regione Lazio nel promuovere il meglio della produzione delle aziende della regione che hanno fatto la scelta dell’alta qualità italiana certificata.

L’evento prevede un’attività di presentazione dell’olio extravergine laziale ed un’attività di degustazione dedicata agli operatori del settore, ai ristoratori e ai giornalisti. A iniziare dalle ore 12.00 presso il Teatro della Cucina della Città del gusto di Roma, si terrà un piccolo seminario di presentazione della realtà olivicola della regione e sulle tematiche della qualità legata ai territori e alla tracciabilità dei prodotti. Lo chef Antonello Colonna insieme ad Adriano Baldassarre (suo allievo che torna ai fornelli del nuovo resort Colonna di Labico) e a Marco Martini (executive chef dell’Open Colonna), con i loro sfiziosi assaggi in grado di esaltare al massimo le particolarità e le caratteristiche dell’olio laziale, sono invece i protagonisti di uno show cooking che vuole sottolineare ancora di più il legame tra qualità e territorio, tra cucina e agricoltura.

Dalle 16.00 alle 20.00 si apre al pubblico, su invito, prenotandosi al sito www.gamberorosso.it nell’area e-commerce dedicata all’evento: si potranno gratuitamente degustare gli oli presenti e anche acquistarli direttamente dai produttori, oltre che assaggiare i prodotti del Lazio: salumi, formaggi e i diversi pani tradizionali cotti a legna e a lievitazione naturale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.