RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

La Sapienza, team ricerca super batteria per auto

Più informazioni su

«È un’evoluzione delle comuni batterie agli ioni di litio, ma rispetto a queste è molto più efficiente e sicura. La superbatteria realizzata dal team di ricercatori coordinati dal professor Bruno Scrosati della Sapienza di Roma servirà ad alimentare soprattutto le auto elettriche, grazie alle caratteristiche di elevata autonomia e di notevole stabilità termica». Lo comunica in una nota l’università La Sapienza. «Lo studio condotto da Jusef Hassoun e Bruno Scrosati della Sapienza, – continua – in collaborazione con Yang-Kook Sun della Hanyang University di Seoul, è pubblicato sulla prestigiosa rivista Journal of American Chemical Society. ‘In pratica – sottolinea Bruno Scrosati – queste batterie agli ioni di litio di ultima generazione raggiungono, con un pieno di elettricità, un’autonomia di 210 km contro i 150 delle batterie attualmente disponibilì. Superiori anche le prestazioni in termini di potenza e capacità». «’La nuova batteria – aggiunge Scrosati – si avvale della combinazione tra elettrodi nanostrutturati, uno di stagno-carbonio e l’altro di ossido di litio ‘drogatò con manganese nichel e cobalt’. Questa particolare combinazione elettrodica consente operazioni con centinaia di cicli di ricarica senza una riduzione della capacità e con un’efficienza di carica-scarica che si avvicina al 100%. Inoltre i nuovi materiali sono abbondanti in natura e godono di una maggiore stabilità termica rispetto a quelli utilizzati nelle comuni batterie agli ioni di litio. Ciò potrebbe assicurare un abbattimento dei costi che incidono sul prezzo delle batterie per auto elettriche (ancora piuttosto elevato) e ridurre i rischi derivanti da un eccessivo surriscaldamento, punto debole degli attuali alimentatori». «Tali prestazioni – conclude – fanno presumere che la nuova batteria possa essere adottata come efficace sistema di propulsione per motori elettrici in auto ecologiche (ibride o elettriche), contribuendo così alla sostenibilità del nostro pianeta».

Più informazioni su