Quantcast

L’acquisto online dà “dipendenza”

Più informazioni su

    Chi comincia ad acquistare online, non ‘smette più’. E’ quanto emerge da un’indagine, condotta da Euroffice.it, su un vasto campione di consumatori: una larga parte degli intervistati (46%) ha effettuato più di dieci acquisti online in un anno e il 40% ha dichiarato di aver utilizzato un carrello virtuale da uno a cinque volte. Le previsioni per il 2011 vedono un fiorire dell’e-commerce a scapito dei canali d’acquisto tradizionali. Il 32% degli intervistati afferma di acquistare online per lavoro, mentre il 23% per un uso privato.

    Si acquista online soprattutto, secondo gli intervistati, per “i prezzi più bassi”, oltre al “non dover fare la fila al negozio o al centro commerciale”. “I tre elementi essenziali che favoriscono lo shopping su web risiedono prima di tutto nella possibilità di risparmiare rispetto agli acquisti tradizionali, nel poter acquistare qualsiasi tipo di articolo comodamente da casa, evitando le code e il trasporto dei prodotti (talvolta pesanti). Il tutto sposato ad un ormai elevato grado di sicurezza dei pagamenti”, afferma Diego Vicamini, Country Manager di Euroffice.it. “Il consumatore di oggi è innovativo anche nella fase di orientamento all’acquisto: la scelta avviene spesso sulla base di ricerche su siti internet specializzati e comparatori di prezzo. In alcuni casi, e solo dopo, ci si rivolge al negoziante di fiducia, al consiglio di amici e conoscenti e alle informazioni dei canali tradizionali”, conclude Vicamini.

    Col crescere dell’accessibilità di Internet, come sottolinea anche lo studio dell’Osservatorio Multicanalità 2010, condotto da Nielsen Online insieme al Politecnico di Milano, il consumatore italiano diventa sempre più multicanale, sperimentando sempre più l’acquisto in rete.

    Più informazioni su