Quantcast

L’inaugurazione della Terrazza Veneto foto

Più informazioni su

    “Si prospettava come l’aperitivo più cool della Capitale, ed è fuori questione che non abbia deluso le aspettative degli invitati che numerosi sono accorsi all’Inaugurazione della “Terrazza Veneto”. La crème della mondanità si è riunita sotto la cristallina cupola a cuspide del magnifico giardino d’inverno, al Top Floor del celebre Grand Hotel Flora Marriott.

    Proprio come una sorta di “rosa di eletti” racchiusi in una nicchia intagliata, nel cuore pulsante di Roma. Una location sofisticata ed accogliente in cui il binomio: raffinato menu e selezionato sound, hanno garantito il successo strepitoso dell’evento. Ai salottini e ai tavoli elegantemente apparecchiati, gli ospiti hanno potuto gustare un buffet di “haute cuisine” abilmente predisposto e caratterizzato da prelibate portate e deliziosi desserts, degni dei fastosi banchetti reali. Ad intrattenerli fino a tardi la musica prima rilassante e poi coinvolgente del DJ Luca Tornesi. Che sensazione unica sorseggiare un ottimo drink, ballare sui tetti di Roma nella notte, scorgere dalle vetrate le mille luci di una metropoli sempre in fermento, e poi guardate! La maestosità del Cupolone! E ancora ecco…più in là…ammirate il candore monumentale dell’Altare della Patria…wow, che atmosfera suggestiva! Sostanzialmente da togliere il fiato! Eh si, ci sembrava davvero di trionfare su Roma. Tutti pervasi da un delirio di onnipotenza. Superfluo assicurare che la serata si ripeterà ancora domenica prossima e per le tante domeniche della primavera che ci attende, durante la quale si potrà apprezzare la vista di un tramonto che tutto il mondo ci invidia, proprio sulla magnifica terrazza all’aperto adiacente al nostro jardin d’hiver. Senza ombra di dubbio alcuno “Terrazza Veneto” ambisce a diventare il punto di ritrovo per chi sa godersi la vita in buona compagnia tra relax e divertimento in un posto sublime che sovrasta Roma Caput Mundi. Chi viene non può non tornare!”.

    Fonte: www.eventiroma.com (Romina Loddi)

    Più informazioni su