RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

L’obesità in gravidanza aumenta rischio di partorire un figlio che soffre di autismo

Più informazioni su

L’obesità in gravidanza comporta un maggior rischio di partorire un figlio che soffre di autismo. È quanto risulta da uno studio di ricercatori affiliati all’Uc Davis Mind Institute di Sacramento, in California, secondo i quali le mamme obese hanno il 67% di possibilità in più di partorire un bambino che soffre di autismo rispetto alle mamme di peso normale, senza diabete o ipertensione, e oltre il 100% in più di avere un bimbo che soffre di altri disordini mentali. La ricerca, pubblicata su Pediatrics, è stata condotta su 1.004 coppie di mamme/bambini. «Oltre un terzo delle donne americane in età fertile – spiega Paula Krakowiak, una biostatistica affiliata al Mind Institute – sono obese e quasi un decimo hanno, durante la gravidanza, diabete gestazionale o di tipo due. Le conclusioni del nostro studio potrebbero avere serie implicazioni per la salute pubblica». Si stima che 1 bambino su 110 nati soffra di autismo, una malattia caratterizzata da impedimenti nella relazioni sociali, deficit di comunicazione e che spesso è accompagnata da disabilità mentale. Lo studio ha anche accertato che i bimbi autistici di madri diabetiche avevano più disabilita – come i deficit nella comprensione linguistica – rispetto ai bambini con autismo nati da donne in salute. Tuttavia, i bimbi non autistici nati da madri diabetiche presentavano maggiori difficoltà nella socializzazione e nella comprensione linguistica rispetto ai bimbi non autistici di madri in salute.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.