Lush difende i diritti delle popolazioni indigene

Sabato 20 e domenica 21 maggio il negozio Lush di Roma Cinecittà devolverà i proventi raccolti grazie alla vendita della crema Charity Pot a favore di Survival, associazione che combatte la violazione dei diritti dei popoli tribali

Lush, brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, organizza presso lo store di Roma Cinecittà un appuntamento a sostegno di Survival, il movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni, l’unica organizzazione a sostenerli in tutto il mondo.

Sabato 20 e domenica 21 maggio, il negozio Lush di Roma presso il Centro Commerciale Cinecittàdue, devolverà tutti i proventi (meno l’IVA) delle vendite della crema Charity Pot all’associazione, che sostiene comunità indigene aiutandole a difendere le loro vite, a proteggere le loro terre e a determinare autonomamente il loro futuro contro ogni forma di persecuzione, razzismo e genocidio.

Donna Yanomami, Brasile.  © Fiona Watson/Survival

Donna Yanomami, Brasile. © Fiona Watson/Survival

Survival collabora con i popoli tribali per prevenire il loro sterminio ad opera della società industrializzata che li sottopone a violenza genocida, schiavitù e discriminazione per poterli derubare di terre, risorse e forza lavoro nel nome del progresso e della civilizzazione.

I volontari dell’associazione indagano sulle atrocità commesse ai danni dei popoli indigeni e ne forniscono prove alle Nazioni Unite e ad altri organismi internazionali. Survival offre assistenza legale, finanzia progetti medici e auto-gestiti, realizza progetti educativi e di ricerca, lancia campagne ed esercita pressioni a livello internazionale.

Grazie alle vendite della crema Charity Pot, Lush supporta un progetto di Survival a favore dei popoli indigeni dell’India che vengono sfrattati illegalmente dalle terre ancestrali nel nome della conservazione delle tigri. Le popolazioni sfrattate non ricevono gli indennizzi promessi e finiscono per vivere in condizioni disperate. Gli indigeni che restano all’interno delle riserve subiscono gravi violazioni dei diritti umani, percosse, arresti e false accuse ad opera delle guardie forestali. Survival organizza missioni sul campo per raccogliere prove di queste violazioni e fornire ai popoli indigeni un palcoscenico da cui rivolgersi al mondo.

Il progetto di Survival prosegue grazie a Charity Pot, la crema Lush per mani e corpo interamente dedicata al sostegno di piccoli gruppi e associazioni attentamente selezionati che lottano per la difesa degli animali, dell’ambiente e dei diritti umani. Charity Pot offre alle persone la possibilità di dare il proprio contributo per un mondo migliore godendosi nel frattempo una crema non solo solidale, ma soprattutto di altissimaqualità, autoconservante, e con un delizioso profumo fresco e fiorito. Tra i pregiati ingredienti che compongono la Charity Pot, ben 7 provengono da progetti SLush Fund, uno speciale fondo Lush lanciato nel 2010 per finanziare progetti di permacultura e agricoltura sostenibile ed equosolidale nel mondo.

Nella Charity Pot ci sono il burro di cacao della Peace Community in Colombia; l’olio di moringa oleifera, il burro di karité e l’olio essenziale di ylang ylang dal Ghana; l’aloe fresca e l’olio essenziale di geranio dal Kenya e l’olio essenziale di Palissandro dal Perù – oltre ad altri ingredienti del mercato equo, come l’olio d’oliva della Palestina e l’essenza assoluta di vaniglia.

Durante il fine settimana di solidarietà, i volontari di Survival saranno a disposizione insieme allo staff di Lush di Roma Cinecittà per portare l’attenzione sulla situazione dei popoli indigeni e promuovere un nuovo modello di conservazione rispettoso dei loro diritti.

Appuntamento:

Sabato 20 e domenica 21 maggio

Lush Roma Cinecittà | viale Palmiro Togliatti 2 | sabato ore 9.30 – 20.30 e domenica ore 10.00 – 20.00

#LushCinecittà