RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

OLIO – PRESENTATA A ROMA LA 21esima EDIZIONE DELL’ERCOLE OLIVARIO

Più informazioni su

Ercole Olivario 2013

21esima EDIZIONE DEL PRESTIGIOSO CONCORSO NAZIONALE

PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE OLEARIE ITALIANE

DAL 18 AL 23 MARZO 2013

 

E’ BOOM DI ISCRIZIONI AL CONCORSO

CON 323 ETICHETTE PROVENIENTI DA DI 17 REGIONI ITALIANE

 

106 LE AZIENDE FINALISTE

Ancora una volta i migliori oli extravergine italiani si ritroveranno a gareggiare nell’ambito dell’Ercole Olivario, concorso di riferimento nel panorama olivicolo nazionale voluto e organizzato dall’Unione Italiana delle Camere di Commercio, in collaborazione con la Camera di Commercio di Perugia, il MIPAAF, ilMinistero dello Sviluppo Economico e il sostegno del Sistema Camerale Nazionale e degli Enti e le Associazioni di settore.

Un’edizione davvero positiva, questa del 2013, con ben 323 etichette in gara provenienti da ben 17 regioni italiane e un deciso incremento rispetto allo scorso anno che aveva visto al via 275 etichette.

“Un dato importante che sottolinea l’importanza del nostro Concorso – spiega Giorgio Mencaroni, Presidente dei Comitato di Coordinamento dell’Ercole Olivario – visto dai vari attori della filiera olivicola come un imprescindibile momento di confronto per tutto il comparto. Un comparto che, giova ricordarlo, rappresenta una voce fondamentale del mondo agroalimentare italiano con oltre un milione di imprese coinvolte e quasi 900 milioni di euro annui in termini di vendita sul territorio nazionale. Senza dimenticare il ruolo che l’olivicoltura gioca anche sul piano ambientale e paesaggistico”.

Numeri che confermano il ruolo dell’extravergine in Italia. 250 milioni di piante, oltre 350 cultivar a testimoniare una varietà produttiva che non ha eguali nel mondo. Circa 500mila tonnellate di produzione ogni anno, con un export in costante crescita.

Ma c’è ancora molto fare – prosegue Mencaroni – soprattutto in termini di educazione al consumo. Che in molti Paesi è ancora molto modesto proprio a causa della scarsa conoscenza di questo straordinario prodotto. Anche per questo l’Ercole Olivario costituisce un momento fondamentale, in quanto da anni il concorso si è fatto carico di una funzione di promozione e diffusione degli oli di qualità tutta italiana che hanno peculiarità e pregi sensoriali, salutistici e nutritivi in grado di soddisfare anche i consumatori più esigenti. E’ per questo motivo che anche quest’anno il Capo dello Stato Giorgio Napolitano ha consegnato la medaglia quale premio di rappresentanza alla XXI edizione del Premio.”

Il premio, rigorosamente riservato agli oli extravergine di oliva di qualità ottenuti da sole olive italiane, coinvolge tutte le Unioni regionali delle camere di commercio d’Italia e le organizzazioni degli operatori olivicoli Cno, Unaprol e Unasco, sin dall’inizio partner di questa iniziativa.

Così, dopo l’attento lavoro svolto nel corso delle selezioni regionali che ha portato a una short list di 106 finalisti, il compito di valutazione passerà a una giuria nazionale estremamente qualificata che decreterà i vincitori delle diverse categorie in lizza: fruttato leggero, fruttato medio e fruttato intenso. Per ogni categoria siano previste due diverse graduatorie, quella per gli oli extravergine e quella per gli oli extravergine DOP e IGP.

I riconoscimenti ai vincitori dell’Ercole Olivario comprendono anche quattro premi speciali: il miglior olio biologico, il Premio Amphora Olearia per la migliore etichetta e il Premio Lekythos, concesso ad una personalità con conoscenza delle tecniche di assaggio provenienti da un Paese straniero. Istituito quest’anno un quarto riconoscimento, il Premio “Giovane imprenditore” che sarà assegnato all’azienda finalista avente i seguenti requisiti: deve essere stata avviata dopo il 1 Gennaio 2008 e il titolare/legale rappresentante deve avere un’età inferiore a 35 anni.

Intenso il programma previsto per la fase finale di questa XXI edizione. Da lunedì 18 a giovedì 21 marzo la giuria nazionale provvederà alla degustazione e alla valutazione dei 106 extravergine finalisti. Venerdì 22 marzo, sempre a Perugia, workshop “Un Filo d’Olio” (2° edizione) tra produttori, ristoratori su un tema strategico quale la valorizzazione dell’olio extravergine di qualità italiano presso i mercati esteri.

Ma la grande attesa, ovviamente, è per sabato 23 marzo quando, nei suggestivi spazi del Teatro Pavone di Perugia, verranno decretati i vincitori della XXI edizione dell’Ercole Olivario.

Per le informazioni sul Concorso visitare il sito http://www.ercoleolivario.net.

 

OLIO – Ercole Olivario, avanza l’Italia migliore. Sabato 23 a Perugia la finale.  106 finalisti in gara

Roma – 323 etichette provenienti da 17 diverse regioni e 106 aziende in finale. L’Italia migliore dell’olio extra vergine, quella vera dell’alta qualità si dà appuntamento a Perugia il prossimo 23 marzo per conferire il premio più prestigioso della categoria: l’Ercole Olivario.

La 21^ edizione del concorso che premia le eccellenze olearie italiane è stata presentata alla Camera dei Deputati dal presidenti di Unioncamere Ferruccio Dardanello e della Camera di Commercio di Perugia e presidente del comitato organizzatore del premio Giorgio Mencaroni, ospiti del presidente della Commissione Agricoltura di Montecitorio, l’on. Paolo Russo e della sen. Colomba Mongiello dell’ufficio di presidenza del Senato della Repubblica, principali attori alla Camera ed a Palazzo Madama della legge salva Olio Made in Italy entrata in vigore lo scorso 1^ febbraio.

Il conto alla rovescia per la fase finale di questa XXI edizione scatta lunedì 18 marzo quando si riunirà a Perugia fino a giovedì 21, la giuria nazionale del concorso che valuterà i 106 oli extra vergine di oliva finalisti. Previsti premi per i profili: fruttato leggero, fruttato medio e fruttato intenso nelle categorie extra vergine convenzionale e DOP e IGP.  A questi si aggiungono anche quattro premi speciali: il miglior olio biologico, il Premio Amphora Olearia per la migliore etichetta e il Premio Lekythos, concesso ad una personalità con conoscenza delle tecniche di assaggio provenienti da un Paese straniero.

Viene istituito, quest’anno, un quarto riconoscimento, il premio “giovane imprenditore” che sarà assegnato all’azienda finalista che abbia i seguenti requisiti: avviata dopo il 1 Gennaio 2008 e titolare o legale rappresentante con età inferiore a 35 anni.

“Vogliamo premiare lo spirito di impresa dei nostri produttori olivicoli” afferma Giorgio Mencaroni presidente della Camera di Commercio di Perugia che aggiunge: c’è ancora molto fare in termini di educazione al consumo e l’Ercole Olivario da anni svolge  una funzione di promozione del migliore prodotto italiano sui mercati di tutto il mondo”. Per questo motivo anche quest’anno il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha premiato la XXI edizione conferendogli la medaglia della Presidenza della Repubblica.

“Numeri importanti quelli dell’olio che fanno grande il made in Italy nel mondo – afferma Ferruccio Dardanello, presidente di Unioncamere che aggiunge: l’extra vergine di oliva di alta qualità è una delle nostre portaerei virtuali nella costruzione del progetto dei ristoranti italiani nel mondo”.

La XXI edizione del concorso prevede Venerdì 22 marzo, sempre a Perugia, la 2^ edizione del workshop “Un Filo d’Olio” tra produttori, ristoratori su un tema strategico quale la valorizzazione dell’olio extra vergine di qualità italiano sui mercati esteri. “Quello del 2013 è il concorso della svolta perché consente ai produttori onesti di competere sul mercato con gli strumenti della legalità al loro fianco”. Afferma l’on. Paolo Russo che per primo, da presidente della commissione agricoltura della Camera, ha annunciato l’approvazione definitiva della legge lo scorso 18 dicembre.

“Una legge – ha aggiunto la senatrice Colomba Mongiello, prima firmataria della legge che porta il suo nome, che sta cambiando in positivo il rapporto tra produttori e consumatori sul piano della trasparenza. Vi sono i primi segnali di ripresa del mercato e questo, in tempo di crisi è un fatto positivo per l’economia delle aziende e dei territori”.

Organizzato dall’Unione Italiana delle Camere di Commercio, l’Ercole Olivario si svolge con la collaborazione della Camera di Commercio di Perugia, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, il Ministero dello Sviluppo Economico e il sostegno del Sistema Camerale Nazionale e degli Enti e le organizzazioni degli operatori Cno, Unaprol e Unasco.

A Perugia, intanto, cresce l’attesa per la consegna dei prestigiosi premi. L’appuntamento finale è per sabato 23 marzo, nel Teatro Pavone, dove saranno decretati i vincitori della XXI edizione dell’Ercole Olivario. Un appuntamento che si rinnova ogni anno ma che suscita attenzione perché mette in competizione qualità ed eccellenza. E’ l’Italia migliore, quella che scommette e vince sul territorio.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.