RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Portus, il porto degli imperatori romani

Più informazioni su

Portus, il porto degli imperatori romani, sarà ospite di Ostia Antica, il porto della Roma Repubblicana. Alle 17 di martedì 11 settembre, per il ciclo di conferenze ‘Vediamoci a Ostia Antica’, il direttore Mariarosaria Barbera sarà affiancata da tre archeologi che a Portus hanno dedicato tempo e impegno.

Si presenteranno i risultati dei recenti lavori, dimostrando importanti progressi nella comprensione dei grandi bacini portuali che lo servivano.

La dott.ssa Cinzia Morelli (Parco Archeologico di Ostia Antica) illustrera’ il connubio tra tutela e ricerche e il percorso compiuto per ritrovare i moli e l’isola-faro del bacino di Claudio. Mostrerà che quello di Claudio era un bacino artificiale che comprendeva un’area di 200 ettari e che aveva una profondità massima di 8 metri.

Era circondato da due grandi moli artificiali a nord e sud che si estendevano nel mare a ovest. L’ingresso principale in questo bacino giaceva su entrambi i lati di un faro monumentale (Pharos) che si trovava tra i due moli.

A sud del bacino di Claudio giaceva un bacino piu’ piccolo, rettangolare, di 1,07 ha, o Darsena, che aveva una profondita’ di 6 metri.

Il porto nel suo insieme era quindi collegato al Tevere e al mare da due canali; il piu’ meridionale di questi, la cosiddetta Fossa Traiana (l’attuale Canale di Fiumicino), e’ ancora in uso oggi.

I lavori recenti suggeriscono che la funzione primaria del bacino Claudiano era quella di fornire lo spazio per il trasbordo di carichi da navi mercantili in arrivo a navi piu’ piccole, o naves caudicariae, che poi li trasportava in diversi punti del porto per lo scarico.

Il dottor Renato Sebastiani presentera’ il progetto in corso per la riapertura al pubblico del Museo delle Navi. La sua funzione primaria sara’ quella di mettere in mostra esempi di naves caudicariae ritrovate durante gli scavi all’interno del bacino claudiano durante gli anni ’60, in un contesto multimediale che spieghera’ i dettagli tecnici delle navi, il loro contesto portuale e la navigazione all’interno di Portus.

Sotto l’imperatore Traiano, Portus fu notevolmente ampliato con l’aggiunta di un terzo bacino e di due nuovi canali principali. La costruzione inizio’ probabilmente con la costruzione dei due nuovi canali nel 109 d.C., continuo’ con il suo grande bacino esagonale nel 112-114 ed era ancora incompiuto al momento della sua morte nel 117 d.C., lasciando l’imperatore Adriano a completarne il progetto.

La soluzione ai problemi del porto di Claudio era un nuovo bacino portuale di 32 ettari, profondo 7 metri, circondato da magazzini e un tempio, per diventare il nuovo nucleo di Portus. Qui molte navicelle caudicarie e grandi navi marittime scaricavano le merci provenienti dall’intero bacino mediterraneo.

Il professor Simon Keay (Universita’ di Southampton) presentera’ i risultati del lavoro che ha intrapreso con colleghi italiani su diversi edifici che si trovavano su uno stretto istmo di terra che separava il bacino traiano dalla conca claudia.

Presentera’ per la prima volta i risultati degli scavi di Palazzo Imperiale. Si trattava di un unico complesso di ville imperiali a tre piani, su 3,5 ettari, che si affacciava sui bacini traianici e claudiani e che fu probabilmente utilizzato come residenza imperiale temporanea e anche come centro per la gestione dell’attivita’ commerciale nel porto. Presentera’ anche brevemente un imponente edificio situato accanto al Palazzo Imperiale.

Questo era lungo piu’ di un quarto di chilometro, alto circa 18 metri, e fu probabilmente progettato per il ricovero e la riparazione di galee utilizzate per le attivita’ ufficiali dagli imperatori e funzionari del Palazzo Imperiale.

Più informazioni su