Quantcast

Premio ANGI, presentata a Roma la quarta edizione degli Oscar dell’Innovazione

Più informazioni su

    Ad Arianna Traviglia l’Innovation Award: “Ecco come individuo i nuovi siti archeologici”

    Riconoscimento speciale alla direttrice del Centre for Cultural Heritage Technology dell’Istituto italiano
    di tecnologia. Il 1° dicembre all’Ara Pacis la premiazione di 30 startup italiane
    e la presentazione dei dati dell’Osservatorio “Giovani e Innovazione”

    Premiare i migliori innovatori del Paese, strutturando un dream team dell’innovazione italiana e mettere in relazione tra loro le istituzioni, il mondo del lavoro, il mondo delle imprese con le migliori startup italiane: è questa la mission del Premio ANGI, giunto alla sua IV edizione e promosso dall’Associazione Nazionale Giovani Innovatori con l’alto patrocinio del Parlamento Europeo e della Commissione Europea. Il premio è stato presentato oggi, 24 novembre, all’interno della sala d’onore del Centro Studi Americani e verrà assegnato mercoledì 1° dicembre presso l’Auditorium del Museo dell’Ara Pacis, tempio di eccellenza di Roma Capitale che unisce i concetti di innovazione e cultura. Saranno 11 le categorie premiate, per un totale di 30 progetti di eccellenza del mondo delle imprese e delle startup che spaziano dalla scienza alla salute, dalla cultura al turismo, passando per mobilità, energia, ambiente, comunicazione e smart city.

     

    Importante la presenza delle istituzioni che, rappresentate dai delegati dell’intergruppo innovazione tra cui l’on. Federico Mollicone, l’on. Luca Carabetta e la senatrice Patty L’Abbate, hanno portato la parola del Governo e del Parlamento a sostegno dei giovani e dell’innovazione.

     

    INNOVATION AWARD Dopo Bebe Vio (pluricampionessa paralimpica), Valeria Cagnina (genio della robotica) e Alessia Bonari (giovane infermiera volto della lotta al Covid), quest’anno l’Innovation Leader Award è stato assegnato ad Arianna Traviglia, direttrice del Centre for Cultural Heritage Technology dell’Istituto italiano di tecnologia. Traviglia al momento è coordinatrice del progetto pilota Cultural Landscapes Scanner nell’ambito del telerilevamento per analizzare le immagini satellitari fornite dalla sonda Copernicus e identificare dall’alto nuovi siti archeologici sepolti e ancora sconosciuti in acqua o terra.

     

    A fare gli onori di casa il presidente dell’ANGI, Gabriele Ferrieri, che ha illustrato gli straordinari successi condotti in questi anni dall’associazione, sia con le istituzioni che con il mondo delle imprese. Un costante impegno e dialogo con i decision maker, i giovani e le eccellenze del Made in Italy per promuovere e diffondere la cultura del digitale e della sostenibilità in Italia e rendere il Paese una vera “smart nation” all’insegna dell’inclusività e della valorizzazione del proprio ecosistema economico e industriale. «Questo premio rappresenta una prestigiosa vetrina, dietro alla quale c’è la nostra mission, lo sforzo quotidiano per dare forza e stimoli ai giovani talenti – ha spiegato Ferrieri –. Il nostro compito è quello di farli emergere, attraverso collaborazioni e progetti di alto valore con le istituzioni e con le grandi imprese. Giovani ed eccellenze che noi ci impegniamo a supportare e valorizzare, portando avanti la nostra mission con costante impegno e dedizione».

     

    «L’innovazione è uno dei pillar centrali nella strategia di sviluppo di Acea. Grazie al contributo dell’ecosistema di partner con cui lavoriamo ovvero università, centri di ricerca, startup, Pmi innovative, Acea è impegnata costantemente nella digitalizzazione e nell’evoluzione dei servizi per i cittadini supportando il percorso di trasformazione delle città in smart city. In questo senso ritengo che il Premio ANGI sia un’opportunità strategica di promozione della cultura dell’innovazione – ha dichiarato Ivan Vigolo, Group Chief Innovation and Information Officer di Acea –. Il Gruppo condivide in pieno i valori del premio, favorendo l’open innovation, lo scouting e la ricerca, con attività come programmi di accelerazione, open call e hackathon che coinvolgono attivamente giovani e startup quali attori fondamentali per guidare il cambiamento e lo sviluppo del nostro Paese».


    «La sinergia tra istituzioni, mondo del lavoro e imprese è strategica per supportare il mondo dell’innovazione e anche per questo motivo sosteniamo l’iniziativa dell’Associazione Nazionale Giovani Innovatori», sostiene Maurizio Montagnese, Presidente di Intesa Sanpaolo Innovation Center. «L’obiettivo è quello di costruire un network capace di valorizzare le iniziative imprenditoriali basate su idee vincenti e su competenze di altro profilo, in grado di dare un impulso all’intero sistema economico».

     

    «Da molti anni innovazione e sostenibilità sono al centro delle attività di BAT – ha sottolineato Massimiliano Colognesi, Head of External Affairs BAT Italia –. Un percorso ben rappresentato dall’essere nominata Sustainability leader da ormai 20 anni consecutivi, unica azienda del settore ad essere inserita anche nel prestigioso Dow Jones Sustainability World Index. L’Italia è oggi protagonista di questo nostro proposito e non a caso abbiamo scelto il nostro Paese per creare, nella città di Trieste, il nostro nuovo Innovation Hub. Un centro di innovazione e di sostenibilità di livello mondiale per la produzione, la ricerca e lo sviluppo dei nostri prodotti a potenziale rischio ridotto e di prodotti per la terapia sostitutiva della nicotina, nonché una digital boutique, ossia un laboratorio di innovazione, un centro di eccellenza per la trasformazione digitale e il digital marketing della nostra azienda».

     

    «La digitalizzazione ha un ruolo cruciale per il settore automotive. Stiamo vivendo una fase di evoluzione estremamente rapida, che si traduce in un ecosistema mobilità sempre più ampio e ricco di servizi», ha dichiarato Massimo Nordio, Vice President Group Government Relations and Public Affairs di Volkswagen Group Italia. «È cambiato l’approccio dei costruttori automobilistici, che si stanno trasformando in aziende tecnologiche, e in questo contesto la collaborazione con gli altri player coinvolti, start-up incluse, diventa strategica per affinare l’offerta in linea con le necessità degli utenti. L’innovazione è, e sempre sarà, il motore della mobilità».

     

    «Gilead pone il tema dell’innovazione alla base della sua attività assieme alla ricerca che da sempre contraddistingue la sua missione nel settore farmaceutico – ha sottolineato Michelangelo Simonelli, Senior Government Affairs Director Gilead Sciences –. Questi ultimi due anni hanno, di fatto incrementato e confermato un ruolo di leadership grazie ai lusinghieri risultati conseguiti nei decenni precedenti».

     

    LA RICERCA La conferenza stampa di presentazione del Premio ANGI è stata anche l’occasione per svelare la prima parte del rapporto annuale dell’Osservatorio “OpenUp” 2021 di ANGI Ricerche e Lab2101 a cura di Roberto Baldassari, direttore del comitato scientifico di ANGI. Un’accurata analisi sul progresso economico e sociale del Paese legato alle competenze digitali e allo sviluppo dell’ecosistema innovazione italiano. La seconda sarà svelata il 1° dicembre nella cerimonia di premiazione all’Ara Pacis. «Lo studio ha evidenziato come tra le competenze necessarie per giocare un ruolo fondamentale per la crescita e lo sviluppo del proprio paese, cinque elementi prendono il sopravvento sugli altri – ha aggiunto Baldassari –. La conoscenza degli strumenti digitali, l’ambizione, la voglia di crescere, la conoscenza dei social network e dell’inglese. Parlando degli elementi fondanti della sostenibilità d’impresa, giovani e totale campione sono allineati su due concetti cardine: “i valori e modello di governance dell’impresa integrati con i principi della sostenibilità” e “sostenibilità del prodotto e servizio durante il ciclo di vita, in linea con i principi dell’economia circolare. Tra i mega trend della transizione ecologica e digitale, al primo posto per i giovani c’è l’intelligenza artificiale mentre per il totale campione l’entertainment; in seconda posizione rispettivamente la realtà aumentata per i 18-34enni e l’e-commerce per il totale campione; chiudono il podio entertainment, blockchain e Smart space».

     

    Al centro del confronto con tutti gli interlocutori che interverranno alle celebrazioni del Premio ANGI, infine, è di grande rilievo il Manifesto per la Next Generation promosso dall’associazione, che ha identificato linee guida e programmazione degli investimenti per efficientare al meglio l’allocazione delle risorse del PNRR (piano nazionale di ripresa e resilienza) al fine di dare un’accelerazione alla ripresa economica italiana mettendo al centro i temi della digitalizzazione, dell’innovazione, della sostenibilità e della cybersecurity.

    Più informazioni su