Quantcast

Premio ANGI, Simonelli (Gilead): “Poniamo l’innovazione alla base della nostra attività”

Più informazioni su

    “Gilead pone il tema dell’innovazione alla base della sua attività assieme alla ricerca che da sempre contraddistingue la sua missione nel settore farmaceutico.

    simonelli foto

    Questi ultimi due anni hanno, di fatto incrementato e confermato un ruolo di leadership grazie ai lusinghieri risultati conseguiti  nei decenni precedenti nella lotta contro l’Hiv, di cui oggi ricordiamo la Giornata Mondiale Aids a 40 anni dalla prima diagnosi, un virus che oggi, si può controllare, e poi sulle altre sfide.

    Rammentiamo l’altra pandemia contro cui stiamo tutti lottando,  il Sars Cov-2, laddove il nostro impegno sin dalla prima ora, ha messo a disposizione degli specialisti coinvolti, a livello globale, farmaci per contrastare il virus. Questa l’analisi alla conferenza di presentazione del Premio ANGI – Oscar dell’innovazione promosso dall’Associazione Nazionale Giovani Innovatori.

    E ancora l’azione da anni intrapresa contro l’Epatite C, il “virus che si può vincere”,  che ha permesso di poter proseguire con una sensibilizzazione delle istituzioni, della classe politica, delle società scientifiche e delle associazioni pazienti, gli screening per i prossimi anni per far emergere il “sommerso”,  le migliaia di persone Hcv positive, (circa 300mila in Italia), che possono oggi essere trattate, senza rischiare complicanze serie.

    Oggi l’HCV si eradica in poche settimane con una terapia sicura, tollerabile e certa al 99% nel risultato.

    Le Car-T infine, sono l’ultima frontiera che ci vedono in prima linea impegnati in ambito onco-ematologico, e rappresentano l’apice della vera innovazione nella terapia genica contro alcune forme di tumori del sangue.
    Per questo, anche i temi dell’integrazione e dell’inclusione sociale contro ogni forma di discriminazione e stigma, per noi sono il primo segno di innovazione nell’azienda che intenda guardare al futuro tra ricerca, coscienza e valori condivisi”.

    Più informazioni su