“Prevenzione prima di tutto. Controllo del tabacco, screening e sani stili di vita”

Più informazioni su

    “Prevenzione prima di tutto. Controllo del tabacco, screening e sani stili di vita”

    31 maggio 2012 ore 13.00 – 1° giugno 2012 ore 9.00

    Auditorium del Ministero della Salute

    Viale Giorgio Ribotta, 5 – Roma

     

    La LILT – Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori – in sinergia con ECL (European Cancer Leagues),  nell’ambito della European Partnership for Action Against Cancer -EPAAC-  è tra gli organizzatori della Conferenza sulla Prevenzione, all’interno della European Week Against Cancer (EWAC) 2012, la Settimana Europea Contro il Cancro.

    La Conferenza  internazionale verte sul tema: “Prevenzione prima di tutto. Controllo del tabacco, screening e sani stili di vita” e si svolgerà nei giorni  31 maggio-1 giugno 2012 presso l’Auditorium del Ministero della Salute di Via G. Ribotta 5, Roma.

    All’interno del meeting verranno presentati progetti ricerche e proposte del mondo istituzionale, scientifico e medico dei vari Paesi partecipanti sul tema della prevenzione in campo oncologico, con l’obiettivo di aprire una nuova fase di discussione, riflessione e confronto.

    L’appuntamento rappresenta uno degli eventi che la LILT ha programmato  per celebrare degnamente i suoi 90 anni di attività e di impegno per diffondere sani e corretti stili di vita a favore della prevenzione.

    La prima giornata della Conferenza – in concomitanza con la  Giornata Mondiale Senza Tabacco indetta dall’OMS per cui la LILT è referente per l’Italia –  si svolgerà il 31 maggio dalle ore 13.00.

    Alla tavola rotonda di apertura moderata dalla Dott.ssa Livia Azzariti,  saranno presenti, tra gli altri,  il Prof. Francesco Schittulli, Presidente Nazionale LILT, il Prof. Umberto Veronesi, Presidente del Comitato Scientifico LILT, Il Prof. Enrico Garaci, Presidente ISS e il Dott. Mario Pescante, Vice Presidente Comitato Olimpico Internazionale. Fulcro del dibattito  sarà la denuncia delle strategie dell’industria del tabacco per contrastare le politiche adottate da centinaia di Paesi per aiutare i fumatori a smettere, proteggere gli altri dall’esposizione al fumo e imporre norme severe sulla pubblicità e la vendita dei loro prodotti.

    Il numero di fumatori nell’Unione Europea è elevato: circa un terzo della popolazione. Si registrano circa 650 mila decessi all’anno dovuti al fumo. In Italia si stima che i tabagisti siano più di 11, 6 milioni e le morti collegate al tabacco arrivino a 83 mila in un solo anno.

    Agire adeguatamente contro il tabagismo è, quindi, compito complesso, che richiede  politiche ed interventi in ambiti diversi da quello strettamente sanitario. E’ necessario, infatti, un approccio che tenga conto delle condizioni  sociali, culturali, ambientali e psicologiche del problema “fumo”.

    “Non fumare; se fumi, smetti…” è il primo dei dodici punti del Codice Europeo contro il Cancro (sana alimentazione, esercizio fisico, evitare l’alcol, esposizione al sole, etc.) che sarà all’ordine del giorno della seconda giornata della Conferenza scientifica: “Screening e sani stili di vita” che si terrà il 1°giugno dalle 9.00 alle 16.00.

    Verranno messi a confronto nuove strategie e modelli diversi di campagne di informazione, affinché i messaggi siano sempre più efficaci  sulle nuove generazioni, che devono da subito venire educate a riconoscere il pericolo di certi comportamenti.

    Per quanto riguarda gli screening, la LILT porterà in Conferenza l’esperienza, la conoscenza e i dati del progetto “Si scrive screening, si legge prevenzione dei tumori” : un impegno realizzato su incarico del Ministero della Salute che ha visto coinvolte piu’ di dieci regioni italiane. Obiettivi prioritari del progetto, migliorare – attraverso adeguate metodologie e procedure di coinvolgimento – la consapevolezza dei cittadini sull’importanza degli screening, rafforzando, nel contempo, la diffusione, l’accesso e la partecipazione ai programmi di screening organizzati.

    La Conferenza sarà un’ occasione in cui porteranno il loro saluto, contributo e testimonianza personalità del mondo dello sport come Giacomo Sintini –  pallavolista della Nazionale che ha sconfitto il cancro –  dello spettacolo e della cultura per proporsi come testimonial di sani stili di vita. Una due giorni di formazione e informazione sulla Prevenzione  per vincere il cancro.

    Numerosi inoltre, gli eventi collaterali che saranno proposti in occasione  della Settimana Europea contro il Cancro.  Tra questi, un Concorso Internazionale dedicato agli studenti tra gli 11 e i 18 anni, nell’ambito del protocollo d’intesa tra LILT e Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca. L’obiettivo è realizzare un video o un poster per comunicare ai giovani la cultura della Prevenzione facendo riferimento al Codice Europeo Contro il Cancro.

    Più informazioni su