RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: Sanità, domani alla Cattolica incontro autorità garante dati personali

Roma – Alla luce dell’entrata in vigore nello scorso mese di maggio del nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, il 14 settembre avra’ luogo alle 17 nell’Aula 7 del Polo Universitario “Giovanni XXIII” della sede di Roma dell’Ateneo del Sacro Cuore (L. go F. Vito, 1), l’incontro “Il nuovo regolamento per la protezione dei dati personali e l’attuazione in Italia nel settore sanitario”, promosso dall’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi sanitari (Altems).

Interverra’ Francesco Modafferi, dirigente del Dipartimento liberta’ pubbliche e sanita’ – Garante per la protezione dei dati personali. Il prossimo 19 settembre entrera’ il vigore il decreto legislativo che approfondisce il Regolamento europeo e ne dettaglia le modalita’ di applicazione nel contesto italiano. L’incontro di domani sara’ dedicato ad approfondire tali aspetti, nell’ambito del “Corso di perfezionamento sui sistemi informativi sanitari” e del “Master sulle competenze e servizi giuridici in sanita’” dell’Alta Scuola.

I lavori saranno aperti dal professor Americo Cicchetti, direttore dell’Altems, e introdotti dal dottor Fabrizio Massimo Ferrara, coordinatore del laboratorio Altems sui Sistemi informativi sanitari. Seguira’ la relazione di Francesco Modafferi. Le conclusioni sono affidate al dottor Vincenzo Antonelli, docente di Legislazione in sanita’ dell’Universita’ Cattolica. “Il Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali- spiegano i promotori- definisce principi e obblighi, sia di natura tecnica che organizzativa, cui devono attenersi tutte le organizzazioni per la definizione delle proprie regole di comportamento.

Il contesto della sanita’, per le sue particolari caratteristiche ed esigenze, sia dal punto di vista normativo, che delle finalita’ sociali che delle esigenze di collaborazione fra diversi attori sul territorio, necessita dell’adozione di regole e comportamenti comuni. Per venire incontro a questa esigenza, nello scorso Aprile, l’Altems ha promosso una iniziativa per la definizione di un ‘Codice di condotta’, attualmente in corso, alla quale partecipano numerose istituzioni, associazioni ed aziende sanitarie”. Cosi’ in un comunicato l’Universita’ Cattolica di Roma.