Scoperto in Indonesia il dipinto più antico del mondo

Più informazioni su

    Scoperto in Indonesia il dipinto più antico del mondo –

    Un gruppo di ricercatori appartenenti ad università indonesiane e australiane, ha scoperto in una grotta indonesiana il più antico ritratto di un maiale mai ritrovato, risalente a più di 45mila anni fa.

    Si tratta, forse, spiega la ricerca pubblicata su Science Advance, della più antica rappresentazione artistica di una specie animale, ancora esistente. I disegni di animali ritrovati testimoniano la presenza dei primi uomini moderni sull’isola di Sulawesi e consolidano l’ipotesi che le prime popolazioni, insediatesi sulla grande isola indonesiana, hanno realizzato rappresentazioni artistiche di animali e scene narrative per raccontare la loro cultura.

    E’ noto che l’Indonesia ha custodito alcune delle grotte più ricche di antiche “decorazioni”, inclusi manufatti artistici scoperti sull’ isola di Sulawesi. Nel 2017 e nel 2018  un gruppo di scienziati guidati da Adam Brumm, Griffith University in Brisbane, QLD, Australia,  hanno scoperto sulle pareti di due grotte calcaree dei dipinti raffiguranti il maiale bitorzoluto dell’isola di Sulawesi, caratterizzato per le sue verruche facciali, rappresentate con pigmenti minerali rossi o porpora scura.

    Nella grotta Leang Tedongnge un dipinto grande 136×54 centimetri che fa parte di una scena narrativa con due maiali, dalle fattezze incomplete che sembrano confrontarsi uno di fronte all’altro; mentre nella grotta Leang Balangajia 1 è stato rinvenuto uno stencil di quattro mani sovrapposto ad un disegno di  un maiale, grande 187 x 110 centimetri, accompagnato  da altre figure di animali mal conservate.

    Analisi fatte con il metodo della datazione isotopica dell’uranio hanno indicato che i dipinti di Leang Tedongnge sono vecchi di almeno 45mila anni, mentre  quelli di Leang Balangajia 1 di almeno 32mila anni.

    I ricercatori ammettono di non essere certi che l’autore di queste antiche opere artistiche sia l’uomo moderno. Ma, dicono, ”è l’ipotesi più probabile dato che altre opere figurative simili sono state attribuite esclusivamente agli uomini moderni”.

    Rita Lena

    Più informazioni su