RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Storace (La Destra): “domani a viterbo per una destra libera”

Più informazioni su

“L’appuntamento di domani pomeriggio a Viterbo (18,30, sala conferenze della Provincia) deve rappresentare l’occasione per riflettere seriamente su dove portare la destra italiana a un mese dalla bellissima manifestazione di marzo.
Credo che dovremo fissare qualche parola d’ordine innanzi a noi, a partire dalla guerra a una politica che non si rende conto del discredito che la circonda; e dal conflitto verso l’Europa nel nome della sovranita’ nazionale.
Casta politica e finanza mondiale sono i nemici del nostro popolo e mai come in questo caso la coerenza del pensiero di destra dovra’ guidarci nella battaglia, lunga e faticosa, da intraprendere.
A me sembra incredibile che ci sia quasi rassegnazione a vedere in circolazione chi pensa, per aver rappresentato la seconda o la terza carica dello Stato, di poter contare su privilegi decennali. I presidenti della Camere i privilegi li hanno avuti gia’ durante il loro mandato: perche’ devono durare anche quando cessano dalla carica?
E’ ingiustificabile che ci siano parlamentari che sono tali da piu’ di vent’anni, alcuni da trenta o addirittura da quaranta. E’ una pratica odiosa, quella della politica in Parlamento tutta la vita, che deve finire.
E’ inaccettabile che la politica sia ridotta a mercato, se esistono deputati come Calearo che afferma candidamente di restare a Montecitorio per pagare il mutuo da dodicimila lire al mese. Non va odiato uno cosi’?
Fanno schifo.
Noi non staremo a guardare. E vogliamo drastiche riduzione dei costi della politica. E la battaglia la faremo anzitutto dove siamo presenti. Alla regione Lazio c’e’ un disegno di legge che dimezza gli emolumenti dei consiglieri e chiederemo di discuterlo immediatamente.
L’altra battaglia con cui identificare la destra e’ quella sull’Europa. Lo posso scrivere? A me, quest’Europa mi ha stufato. E se deve rappresentare una tortura, non ha davvero senso continuare a starci. Sara’ sempre peggio, se si lascia Mario Monti indisturbato nella firma dei trattati piu’ pericolosi: meccanismo europeo di stabilita’, patto di bilancio non sono formule neutre, ma rappresentano la dittatura finanziaria dell’Europa per i prossimi decenni. Dieci cento mille manifestazioni in tutta Italia per chiedere che il popolo possa dire la sua con un referendum. Organizziamole, raccogliamo adesioni, manifestiamo. Programmeremo un’altra grande manifestazione nazionale se non ci daranno ascolto. E saremo ancora di piu’ rispetto al 3 marzo. Ormai la marcia e’ partita, questa destra non la ferma piu’ nessuno”.

E’ quanto scrive sul suo blog Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RomaDailyNews, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.