RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Torna Halfred, il Temporary Luxury Store della moda

Più informazioni su

Da Gucci a Prada passando per Dolce & Gabbana e Dior. Sono sole alcune delle grandi firme che tornano a Roma per il secondo anno di Halfred, il Temporary Luxury Store della moda. Roma, dunque, dopo il grande successo ottenuto nel 2010, si veste ancora una volta da Capitale della moda alla portata di tutti, visto che dalle Scuderie di Palazzo Ruspoli (via Fontanella Borghese, 56B) i fashion addicted potranno uscire con l’abito dei sogni acquistato al 50%. Dal 10 al 20 marzo, dalle 10 alle 20, tutte le marche più prestigiose saranno in vendita a metà prezzo, così da permettere al pubblico femminile di mettere le mani su un capo della collezione primavera-estate della scorsa stagione a un prezzo irripetibile. Gucci, Prada, Versace, Christian Dior, Dolce & Gabbana, Yves Saint Laurent, Roberto Cavalli, Balenciaga, Lanvin, Burberry, Lanvin, Miu Miu, Ralph Lauren, Balmain, Chloè, Moncler e molti altri. Sarà una maratona di 10 giorni all’insegna del glamour e del lusso per tutti i gusti e tutte le tasche. Senza naturalmente dimenticare gli accessori da donna: borse, scarpe, occhiali dei migliori e più importanti marchi della moda, per riuscire ad accontentare tutti, dal fashion victim al più classico, senza dimenticare lo sportivo ed il casual. Ma Halfred non è solo moda, lusso e fashion. Durante i giorni della sua permanenza romana, infatti, Halfred ospiterà la Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica (FFC): l’unica onlus che in Italia promuove e finanzia progetti di ricerca per sconfiggere la Fibrosi Cistica, la malattia genetica grave più diffusa. Sarà infatti possibile acquistare Volare Alto, l’autobiografia di Matteo Marzotto, vicepresidente e co-fondatore della FFC, edita da Mondadori. Il messaggio trasmesso: la vita di chi può sembrare più fortunato di altri non è in discesa, soprattutto, non c’è quiete per chi decide di alzare ogni volta la posta in palio, di volare sempre un pò più in alto. Largo spazio nel libro all’impegno di Marzotto per la Fondazione, alla quale devolverà i suoi diritti d’autore.

Più informazioni su