RomaDailyNews - Il sito di informazione di Roma

Roma: Rintracciato in Svizzera rapinatore di farmacie, arrestato

Più informazioni su

Roma – Un cittadino romano 44enne e’ stato arrestato, ai fini della estradizione, a Locarno (Svizzera) dalle autorita’ elvetiche, su richiesta della Procura della Repubblica di Roma. L’uomo, gia’ noto alle forze dell’ordine, e’ accusato di aver commesso tre rapine in danno di farmacie nella Capitale. Lo stesso era gia’ stato raggiunto da una misura cautelare in carcere con la quale erano stati contestati gli eventi delittuosi.

Tuttavia, in sede di interrogatorio di garanzia, aveva prodotto una documentazione attestante la sua assenza dal territorio nazionale nei giorni delle rapine contestate, affermando che in quelle circostanze era regolarmente al lavoro in Svizzera, ottenendo cosi’ la scarcerazione. Le successive indagini disposte dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma – Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti, diretto dal procuratore aggiunto Lucia Lotti – anche a mezzo di rogatoria internazionale, incrociate con le risultanze degli accertamenti svolti dai Carabinieri della Stazione Alessandrina e della Compagnia Roma Casilina, hanno consentito di dimostrare che contrariamente a quanto sostenuto dall’indagato in sede di interrogatorio di garanzia, nei giorni in cui si erano verificate le rapine lo stesso si trovava effettivamente in Italia e che la documentazione prodotta a sostegno della propria tesi difensiva era falsa.

Veniva evidenziata inoltre una chiara condotta attiva volta ad eludere gli accertamenti dell’Autorita’ e ad inquinare il quadro probatorio; egli infatti aveva richiesto al proprio datore di lavoro elvetico una documentazione attestante la propria presenza al lavoro nei giorni delle rapine, giustificando tale esigenza con la necessita’ di far fronte ad alcune contravvenzioni al Codice della strada che in quei giorni avrebbe commesso nella citta’ di Roma. L’uomo, oltre a rispondere delle rapine contestate e’ stato inoltre indagato per il reato di calunnia, poiche’ dopo essere stato scarcerato, aveva sporto denuncia contro le vittime del reato che lo avevano riconosciuto, pur sapendole innocenti. L’arrestato, in osservanza agli accordi internazionali sulla estradizione, e’ stato consegnato alla frontiera e tradotto presso la locale casa circondariale.

Più informazioni su