Quantcast

Aeroporto Fiumicino, fermato tabaccaio che ha sottratto gratta e vinci ad anziana a Napoli

Roma – E’ stata la solerzia e l’esperienza di un agente della Polaria di Fiumicino, addetto alla ricezione delle denunce presentate dai viaggiatori in aeroporto, a permettere di rintracciare ed identificare l’autore del furto del gratta e vinci vincente da 500.000,00 euro, sottratto ad un’anziana signora in una tabaccheria di Napoli nella giornata di venerdì 2 settembre u.s.

Il titolare della tabaccheria di via Mater Dei 37 a Napoli — salito alla ribalta delle cronache nazionali perché accusato di aver sottratto il gratta e vinci da 500.000,00 euro ad una settantenne che ha prontamente denunciato il fatto ai Carabinieri di Napoli — si è presentato presso l’aeroporto internazionale “Leonardo da Vinci” di Fiumicino al fine di lasciare il territorio nazionale alla volta di Tenerife (isola di Fuerteventura, in Spagna).

In tale circostanza, si è presentato presso gli uffici della Polizia di Frontiera al fine di voler sporgere denuncia nei confronti di una donna che, a suo dire, lo aveva accusato falsamente di avergli sottratto un tagliando vincente.

Ricostruito subito il fatto i poliziotti della Polizia di Frontiera hanno subito riconosciuto l’uomo come il tabaccaio del noto fatto di cronaca e — relazionandosi prontamente con la Stazione dei Carabinieri ove l’anziana donna ha sporto denuncia — hanno sin da subito potuto riscontrare la falsità delle dichiarazioni rese informalmente dallo stesso.

Previe intese con il Sost. Proc. della Repubblica presso il Tribunale di Napoli titolare delle indagini, l’uomo è stato subito sottoposto a perquisizione personale che ha permesso di acquisire fondamentali elementi utili per il proseguimento delle indagini che, su disposizione dello stesso P.M., è stato denunciato a piede libero per il delitto di furto pluriaggravato del gratta e vinci da 500.000,00 euro, commesso il 2 settembre 2021 in danno dell’anziana signora partenopea.

Infatti, gli accertamenti esperiti nell’immediatezza ad opera di quest’Ufficio, hanno consentito di appurare che l’uomo, dopo essersi reso irreperibile in seguito alla sottrazione del tagliando vincente, si è rifugiato fuori regione nella città di Latina dove, recandosi presso un noto istituto di credito, ha depositato il biglietto vincente sottratto, aprendo un conto corrente bancario a suo nome, al fine di depositarvi il gratta e vinci da 500.000,00 euro sottratto indebitamente e poterlo incassare successivamente, quando si fossero calmate le acque.

Tale attività illecita, è stata confermata dallo stesso istituto bancario subito interpellato dalla P.G. operante, il quale è stato informato dell’indagine in corso e diffidato a bloccare l’operatività del conto nell’attesa dell’emissione del provvedimento di sequestro.

Tali evidenze probatorie sono state comunicate alla Procura titolare del fascicolo d’indagine ed alla Stazione Carabinieri di Napoli che aveva ricevuto 1a preliminare notizia di reato, al fine di procedere al sequestro del tagliando presso l’istituto di credito, così come disposto dalla stessa Autorità Giudiziaria. L’uomo è stato denunciato in stato di libertà per la violazione degli articoli 624 e 625 c.p. (Agenzia Dire)